Archivi Blog

MotoGP 2014: Marco Simoncelli to become MotoGP™ Legend


MotoGP_Info2014


Marco Simoncelli to become MotoGP™ Legend
Italian rider Marco Simoncelli is to be inducted into the Hall of Fame as a MotoGP™ Legend. The popular former 250cc World Champion was a front-runner in the premier class before tragically losing his life to an accident in 2011.

IMG_4337

In becoming a MotoGP™ Legend, Simoncelli’s name will be the 21st on the list as he joins a list of 20 other greats. To the shock of race fans around the world, the Gresini rider lost his life on Sunday 23 October 2011 in a crash on the second lap of the Malaysian Grand Prix, just one week after finishing in second place at Phillip Island.

The Italian rider dazzled the World Championship paddock with his charisma, ability and racing style and was a World Champion, having taken the 250 crown in 2008 – a title he narrowly missed out on defending in 2009. Arriving in the premier class in 2010, his progress was rapid and before his untimely death Simoncelli had already taken two premier class podiums and two poles in a strong second campaign.

Marco Simoncelli’s introduction as a MotoGP™ Legend will take place at this year’s Italian Grand Prix at Mugello, as he joins the list already including compatriot Giacomo Agostini plus Mick Doohan, Geoff Duke, Wayne Gardner, Mike Hailwood, Daijiro Kato, Eddie Lawson, Anton Mang, Angel Nieto, Wayne Rainey, Phil Read, Jim Redman, Kenny Roberts, Jarno Saarinen, Kevin Schwantz, Barry Sheene, Freddie Spencer, John Surtees, Casey Stoner and Carlo Ubbiali.

2014 MotoGP™ Official Press Release

Annunci

CRT 2012


CRT 2012 Misano Adriatico – Marco Simoncelli World Circuit:

Mattia Pasini

Colin Edwards

Danilo Petrucci

Colin Edwards

Randy De Puniet

Yonny Hernandez

James Ellison

Michele Pirro

Copyright©FeliceMonteleone

Max Biaggi saluta il mondo delle corse


Autodromo di Vallelunga: Roma 7 Novembre 2012

L’annuncio in conferenza stampa a Vallelunga: «E’ giusto lasciare spazio ai giovani, adesso voglio pensare alla mia famiglia»

Queste sono le parole del neo campione del mondo della categoria Superbike, con le quali Max Biaggi annuncia il suo ritiro dalle corse.
Il sentore c’era già stato leggendo alcuni sui Tweet sul famoso social network, ma oggi è arrivata la notizia ufficiale.
Max è stato ed è tuttora un pilota simbolo delle due ruote che lascerà un gran vuoto nel cuore di tutti i suoi tifosi. Max ha rinunciato alla firma del rinnovo del contratto con Aprilia, molto simile a quello dello scorso anno, anche a livello economico. Dalle sue parole si legge la voglia di affiancare la sua compagna ed i suoi due bimbi, ai quali dice di aver dedicato troppo poco tempo. Del resto come non biasimarlo.

Il Corsaro salirà per l’ultima volta in sella ad una moto da corsa a Latina in occasione di una gara di Supermoto, organizzata in onore di Marco Simoncelli, che fu anche suo compagno di squadra in sella all’Aprilia per una sola gara nel mondiale SBK ad Imola.
Max nasce a Roma il 26 giugno 1971, la sua carriera sportiva è lunga e ricca di successi: 4 titoli nella categoria 250 di cui tre con l’Aprilia ed uno con la Honda; successivamente inizia la sua carriera nelle classi regine 500 e MotoGP, dove avrà un percorso non facile. Tutti ricorderanno, e aggiungo, che ci piace ricordare, tutte le lotte con Valentino Rossi, suo acerrimo rivale di sempre. E finalmente si apre la parentesi del Mondiale Superbike, che vede Max in sella a Suzuki, Ducati e Aprilia. Sarà quest’ultima a regalargli le più grandi soddisfazioni in questa categoria, regalando al pilota romano il titolo iridato nel 2010 e nel 2012.

Oggi, dopo 6 titolo mondiali sulle spalle, un totale di 370 gare, 63 vittorie e 181 podi, arriva l’addio del corsaro.
L’aver conquistato il titolo 2012 nella categoria Superbike è sicuramente il miglior modo per salutare il mondo delle corse.

Ciao campione, in bocca al lupo per tutto

Galleria Immagini

Questo slideshow richiede JavaScript.

Copyright 2012©FeliceMonteleone

Moto2 – Riders in Action


Moto2 – Riders in Action

Copyright 2012©FeliceMonteleone

Moto3 – Riders in Action


Misano Adriatico.
Moto3 Riders in action

Copyright 2012©FeliceMonteleone

Moto2 – Marco Simoncelli World Circuit


Moto2 Image Gallery
Marco Simoncelli World Circuit – Misano Adriatico

Questo slideshow richiede JavaScript.

Copyright 2012©FeliceMonteleone

MotoGP: 60 immagini per raccontare un’emozione…e per ricordare il SIC


Malesia – Domenica 23 Ottobre 2011.
Sulla griglia di Sepang Marco aveva un asciugamano in testa, ed in mano un cartello che riportava l’indirizzo del suo nuovo sito web, Kate era al suo fianco. Lui, sereno e sorridente come sempre, con la sua simpatia che lo ha sempre contraddistinto.

Semaforo verde…appena due giri. Ciao Marco…

Credetemi quando dico che ho i brividi in questo momento. Ho scritto queste prime righe provando la stessa identica sensazione di quasi un anno fa…si è passato quasi un anno, ma Marco è sempre nel mio cuore, e nel cuore di tutti noi.

Italia – Venerdì 14 Settembre 2012.
Siamo a Misano Adriatico, 11 mesi dopo, sul circuito che porta il nome di Marco Simoncelli. E’ la prima volta dopo il tragico evento che il circus della MotoGP approda sulla pista della riviera romagnola, culla del motociclismo italiano, e la presenza del SIC è forte e tangibile ovunque. Il paddock si riempie pian piano di anime che portano nel cuore il suo ricordo, il suo sorriso, le sue partite a scopone scientifico. Ho provato a contare i cappellini con il numero 58 e le magliette con la sua “capoccia” piena di capelli che non so neanche come entrassero in quel casco, ma non ci sono riuscito, erano tantissime le persone che portavano un suo segno.

In poche parole…Misano si riempie di Marco.

Il compito di noi fotografi è di documentare un evento attraverso le nostre immagini, di far sentire chi le osserva parte integrante di quel mondo; ma è anche compito nostro far emergere quelle emozioni, quelle sensazioni e quei ricordi, che sono legate ad una particolare gara…e questa è proprio una di quelle gare. Il weekend finisce con un podio meraviglioso, che al SIC sarebbe sicuramente piaciuto tantissimo. Dietro Jorge finiscono, in ordine, il suo grande amico ed idolo di sempre Valentino Rossi, ed Alvaro Bautista, pilota del Team Gresini con il quale Marco ha corso, e con il quale ha portato la Honda al secondo posto sul podio in Australia.

Anche Michele Pirro, altro pilota del Team Gresini, dedica a Marco il suo secondo posto nella graduatoria delle CRT, definendo “FANTASTICA” la giornata… E guarda caso…lo scorso anno a Valencia Michele vince anche l’ultima gara della Moto2.
Quando si dice… il destino, vero?

Michele Pirro - Team Honda Gresini

Ed è per questo che ho deciso, a distanza di quasi un anno, e nel circuito a lui intitolato, di dedicare una galleria di immagini alla gara di Misano Adriatico, con la speranza ed il desiderio che possano raccontare quello splendido weekend, e che ci facciano portare sempre nel nostro cuore il ricordo di quel ragazzo con il numero 58, umile, sempre con il sorriso in volto, sempre disponibile…e che amava quello che faceva.

Ciao SIC…sempre nel cuore

GALLERIA IMMAGINI

Questo slideshow richiede JavaScript.

ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

MotoGP: a Misano continuano i test per la Ducati


Lunedì 17 Settembre 2012 – Misano Adriatico:
Per la casa di Borgo Panigale si è conclusa un’intera giornata di test nell’autodromo intitolato a Marco Simoncelli. Il Team ha girato sia con i piloti ufficiali che con il collaudatore Franco Battaini.

Dopo l’ottimo secondo posto di Valentino Rossi, la casa di Borgo Panigale è rimasta in quel di Misano per affrontare un’intera giornata di test concentrandosi su alcune modifiche dedicate al telaio ed al forcellone.

Nicky Hayden ha provato telaio e forcellone usati la domenica in gara, mentre Valentino Rossi ha testato una variante del telaio modificata nella rigidezza (a dire il vero non molto apprezzato) ed un forcellone posteriore completamente nuovo. Il collaudatore Franco Battaini invece ha dedicato la giornata a prove di sviluppo dell’elettronica.

Queste le parole e le sensazioni dei protagonisti:

Valentino Rossi (53 giri effettuati)

“E’ stata una buona giornata: abbiamo provato un telaio dalle rigidezze diverse ma, onestamente, non mi è piaciuto tanto. Era migliore sotto certi punti di vista ma peggiore sotto altri quindi alla fine non era un passo in avanti. Poi invece abbiamo provato un forcellone diverso, che mi è piaciuto molto perché mi aiuta un po’ in accelerazione e rende la moto più stabile in uscita di curva. Quindi delle due novità una ha funzionato. Lo useremo ad Aragon e vedremo se anche lì, su una pista diversa, potremo confermare queste buone sensazioni”.

Nicky Hayden (14 giri effettuati)

“Per non forzare troppo la mano oggi abbiamo fatto solo due uscite, una con la moto che ho usato in gara e una con la nuova ciclistica. E’ stato positivo potersene fare un’idea. Ho potuto percepire le differenze più di quanto mi fossi aspettavo e sicuramente il “feeling” è migliore, mi da più fiducia perché il “grip” in frenata è migliore e di conseguenza lo è anche il “turning”. Penso sia un passo nella direzione giusta e sono contento del lavoro fatto dalla Ducati in questo senso. Dovrò probabilmente aumentare un po’ la rigidezza della molla della forcella ma in ogni caso già così è uno “step” positivo. Sono soddisfatto e ad Aragon cominceremo a lavorare sul set-up”.

Anche le parole di Filippo Preziosi danno la sensazione che si stia andando verso la direzione giusta. Ad Aragon, riferisce Preziosi, porteranno il nuovo forcellone testato da Valentino Rossi il quale ha riportato ottimi feedback. Per quanto riguarda Nicky Hayden, ha fatto solo una comparativa tra la configurazione della gara di Misano e le modifiche provate dal pilota di Tavullia. Le prime impressioni del campione americano sembrano essere positive, ma bisognerà attendere che le condizioni fisiche siano migliori, per trarre le giuste conclusioni.

ARTICOLO E FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

MotoGP: tutto facile per Lorenzo, Pedrosa out


Gara particolare quella di Misano Adriatico, che anche prima della partenza regala forti emozioni. Daniel Pedrosa che scatta dalla Pole accusa qualche problema tecnico ed è costretto a schierarsi a fine griglia. Allo start è il maiorchino Jorge Lorenzo a prendere la testa della gara, posizione che manterrà “facilmente” fino alla fine dei 27 giri in programma. Il suo diretto antagonista Daniel Pedrosa, dopo poche curve viene toccato da Hector Barbera finendo nella ghiaia della Quercia (una delle curve del circuito) la sua rincorsa al leader della classifica iridata. Dopo qualche giro è anche il turno dell’Inglese Cal Crutchlow, che abbandona la gara per una caduta

Ma non finisce qui. Un telaio leggermente rinnovato e nuovi accorgimenti tecnici, portano la Ducati DesmoSedici ed il suo cavaliere Valentino Rossi sul secondo gradino del podio. Per parecchi giri dopo il via, il pilota di Tavullia è stato tallonato dal Tedesco Stefan Bradl che però ha visto vanificarsi tutti i suoi tentativi di attacco, cedendo la terza piazza al pilota Spagnolo del Team Gresini Alvaro Bautista che nel frattempo si era sbarazzato anche di Andrea Dovizioso;

Dopo questa vittoria Jorge Lorenzo porta a 38 punti il vantaggio sul suo diretto inseguitore Daniel Pedrosa. A sole cinque gare dalla fine del campionato, la lotta al titolo iridato rimane aperta e sicuramente le sorprese non mancheranno.

GP APEROL DI SAN MARINO E RIVERA DI RIMINI
Classifica dopo 27 giri:

1° Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – 42’49.836
2° Valentino Rossi – Ducati Team – 42’54.234 + 4.398
3° Alvaro Bautista – San Carlo Honda Gresini – 42’55.891 + 6.055

Marco Simoncelli sarà sicuramente felice di vedere sul podio del circuito a lui intitolato, il suo idolo ed amico, e la moto con la quale ci ha regalato tantissime emozioni.
Ciao SuperSIC…….

GALLERIA IMMAGINI

Questo slideshow richiede JavaScript.

ARTICOLO E FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

MotoGP: a Misano nella prima giornata di prove libere vince il maltempo


Tredicesima tappa del Motomondiale a Misano Adriatico: La mancanza del SIC si avverte forte nell’aria, ed il meteo non favorevole condiziona le prima giornata di prove libere. La pioggia intermittente, ed il forte vento hanno di fatto reso inutili le due sessioni di prove. I Top Rider della MotoGP hanno girato pochissimo.

 

Venerdì 14 Settembre 2012
E’ stata una di quelle giornate da dimenticare, una di quelle nelle quali saresti voluto rimanere a letto al caldo sotto le coperte, una di quelle giornate praticamente inutili. Siamo nella riviera romagnola, a Misano Adriatico, e questa è l’analisi, ed il risultato finale, della prima giornata di prove libere della tredicesima tappa della MotoGP.
Al Misano World Circuit Marco Simoncelli pioggia e vento, veri protagonisti dell’intera giornata, hanno di fatto reso inutile le due sessioni di prove libere, durante le quali i Top Rider della MotoGP sono rimasti quasi tutti nei box. Solamente alcuni rappresentanti della categoria maggiore sono scesi in pista, più che altro per avere un primo contatto con la pista, lasciando il viscido asfalto ai piloti di Moto2 e Moto3, che hanno dato vita a due interessanti e combattute sessioni di prove.

Durante la prima sessione di prove della mattina, un timido Valentino Rossi si affaccia sulla pista di Misano, percorrendo pochissimi giri per poi rientrare ai box. Anche il suo compagno di squadra Nicky Hayden, reduce dall’incidente di Indianapolis, ha percorso pochi chilometri per poi rientrare; insieme a loro fanno capolino anche Ben Spies del Team Yamaha Racing Factory, e Karel Abraham con la sua Ducati del Team Cardion AB Motoracing.
Nella seconda sessione del pomeriggio, anche Stefan Bradl (Team LCR Honda), Alvaro Bautista (Team Gresini Honda) e Jonathan Rea (che sostituisce l’infortunato Casey Stoner), fanno la loro apparizione,seppur per pochissime tornate, sul circuito di Misano. I due contendenti al titolo mondiale (Jorge Lorenzo e Daniel Pedrosa) non sono scesi in pista in nessuna della due sessioni di prove.

In ogni caso, gli spettatori paganti hanno senza dubbio potuto apprezzare la “bagarre” tra i piloti delle due categorie inferiori.
Al momento le previsioni meteo fanno ben sperare per la giornata di domani, e sicuramente avremo modo di assistere a duelli molto interessanti.

ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: