Archivi Blog

MotoGP: a Misano continuano i test per la Ducati


Lunedì 17 Settembre 2012 – Misano Adriatico:
Per la casa di Borgo Panigale si è conclusa un’intera giornata di test nell’autodromo intitolato a Marco Simoncelli. Il Team ha girato sia con i piloti ufficiali che con il collaudatore Franco Battaini.

Dopo l’ottimo secondo posto di Valentino Rossi, la casa di Borgo Panigale è rimasta in quel di Misano per affrontare un’intera giornata di test concentrandosi su alcune modifiche dedicate al telaio ed al forcellone.

Nicky Hayden ha provato telaio e forcellone usati la domenica in gara, mentre Valentino Rossi ha testato una variante del telaio modificata nella rigidezza (a dire il vero non molto apprezzato) ed un forcellone posteriore completamente nuovo. Il collaudatore Franco Battaini invece ha dedicato la giornata a prove di sviluppo dell’elettronica.

Queste le parole e le sensazioni dei protagonisti:

Valentino Rossi (53 giri effettuati)

“E’ stata una buona giornata: abbiamo provato un telaio dalle rigidezze diverse ma, onestamente, non mi è piaciuto tanto. Era migliore sotto certi punti di vista ma peggiore sotto altri quindi alla fine non era un passo in avanti. Poi invece abbiamo provato un forcellone diverso, che mi è piaciuto molto perché mi aiuta un po’ in accelerazione e rende la moto più stabile in uscita di curva. Quindi delle due novità una ha funzionato. Lo useremo ad Aragon e vedremo se anche lì, su una pista diversa, potremo confermare queste buone sensazioni”.

Nicky Hayden (14 giri effettuati)

“Per non forzare troppo la mano oggi abbiamo fatto solo due uscite, una con la moto che ho usato in gara e una con la nuova ciclistica. E’ stato positivo potersene fare un’idea. Ho potuto percepire le differenze più di quanto mi fossi aspettavo e sicuramente il “feeling” è migliore, mi da più fiducia perché il “grip” in frenata è migliore e di conseguenza lo è anche il “turning”. Penso sia un passo nella direzione giusta e sono contento del lavoro fatto dalla Ducati in questo senso. Dovrò probabilmente aumentare un po’ la rigidezza della molla della forcella ma in ogni caso già così è uno “step” positivo. Sono soddisfatto e ad Aragon cominceremo a lavorare sul set-up”.

Anche le parole di Filippo Preziosi danno la sensazione che si stia andando verso la direzione giusta. Ad Aragon, riferisce Preziosi, porteranno il nuovo forcellone testato da Valentino Rossi il quale ha riportato ottimi feedback. Per quanto riguarda Nicky Hayden, ha fatto solo una comparativa tra la configurazione della gara di Misano e le modifiche provate dal pilota di Tavullia. Le prime impressioni del campione americano sembrano essere positive, ma bisognerà attendere che le condizioni fisiche siano migliori, per trarre le giuste conclusioni.

ARTICOLO E FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

Annunci

MotoGP: tutto facile per Lorenzo, Pedrosa out


Gara particolare quella di Misano Adriatico, che anche prima della partenza regala forti emozioni. Daniel Pedrosa che scatta dalla Pole accusa qualche problema tecnico ed è costretto a schierarsi a fine griglia. Allo start è il maiorchino Jorge Lorenzo a prendere la testa della gara, posizione che manterrà “facilmente” fino alla fine dei 27 giri in programma. Il suo diretto antagonista Daniel Pedrosa, dopo poche curve viene toccato da Hector Barbera finendo nella ghiaia della Quercia (una delle curve del circuito) la sua rincorsa al leader della classifica iridata. Dopo qualche giro è anche il turno dell’Inglese Cal Crutchlow, che abbandona la gara per una caduta

Ma non finisce qui. Un telaio leggermente rinnovato e nuovi accorgimenti tecnici, portano la Ducati DesmoSedici ed il suo cavaliere Valentino Rossi sul secondo gradino del podio. Per parecchi giri dopo il via, il pilota di Tavullia è stato tallonato dal Tedesco Stefan Bradl che però ha visto vanificarsi tutti i suoi tentativi di attacco, cedendo la terza piazza al pilota Spagnolo del Team Gresini Alvaro Bautista che nel frattempo si era sbarazzato anche di Andrea Dovizioso;

Dopo questa vittoria Jorge Lorenzo porta a 38 punti il vantaggio sul suo diretto inseguitore Daniel Pedrosa. A sole cinque gare dalla fine del campionato, la lotta al titolo iridato rimane aperta e sicuramente le sorprese non mancheranno.

GP APEROL DI SAN MARINO E RIVERA DI RIMINI
Classifica dopo 27 giri:

1° Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – 42’49.836
2° Valentino Rossi – Ducati Team – 42’54.234 + 4.398
3° Alvaro Bautista – San Carlo Honda Gresini – 42’55.891 + 6.055

Marco Simoncelli sarà sicuramente felice di vedere sul podio del circuito a lui intitolato, il suo idolo ed amico, e la moto con la quale ci ha regalato tantissime emozioni.
Ciao SuperSIC…….

GALLERIA IMMAGINI

Questo slideshow richiede JavaScript.

ARTICOLO E FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

MotoGP: a Misano nella prima giornata di prove libere vince il maltempo


Tredicesima tappa del Motomondiale a Misano Adriatico: La mancanza del SIC si avverte forte nell’aria, ed il meteo non favorevole condiziona le prima giornata di prove libere. La pioggia intermittente, ed il forte vento hanno di fatto reso inutili le due sessioni di prove. I Top Rider della MotoGP hanno girato pochissimo.

 

Venerdì 14 Settembre 2012
E’ stata una di quelle giornate da dimenticare, una di quelle nelle quali saresti voluto rimanere a letto al caldo sotto le coperte, una di quelle giornate praticamente inutili. Siamo nella riviera romagnola, a Misano Adriatico, e questa è l’analisi, ed il risultato finale, della prima giornata di prove libere della tredicesima tappa della MotoGP.
Al Misano World Circuit Marco Simoncelli pioggia e vento, veri protagonisti dell’intera giornata, hanno di fatto reso inutile le due sessioni di prove libere, durante le quali i Top Rider della MotoGP sono rimasti quasi tutti nei box. Solamente alcuni rappresentanti della categoria maggiore sono scesi in pista, più che altro per avere un primo contatto con la pista, lasciando il viscido asfalto ai piloti di Moto2 e Moto3, che hanno dato vita a due interessanti e combattute sessioni di prove.

Durante la prima sessione di prove della mattina, un timido Valentino Rossi si affaccia sulla pista di Misano, percorrendo pochissimi giri per poi rientrare ai box. Anche il suo compagno di squadra Nicky Hayden, reduce dall’incidente di Indianapolis, ha percorso pochi chilometri per poi rientrare; insieme a loro fanno capolino anche Ben Spies del Team Yamaha Racing Factory, e Karel Abraham con la sua Ducati del Team Cardion AB Motoracing.
Nella seconda sessione del pomeriggio, anche Stefan Bradl (Team LCR Honda), Alvaro Bautista (Team Gresini Honda) e Jonathan Rea (che sostituisce l’infortunato Casey Stoner), fanno la loro apparizione,seppur per pochissime tornate, sul circuito di Misano. I due contendenti al titolo mondiale (Jorge Lorenzo e Daniel Pedrosa) non sono scesi in pista in nessuna della due sessioni di prove.

In ogni caso, gli spettatori paganti hanno senza dubbio potuto apprezzare la “bagarre” tra i piloti delle due categorie inferiori.
Al momento le previsioni meteo fanno ben sperare per la giornata di domani, e sicuramente avremo modo di assistere a duelli molto interessanti.

ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

MotoGP – Misano Adriatico, un weekend all’insegna dell’emozione


lunedì, 10 settembre 2012
Tante sfide e tanti piloti a confronto in questo tredicesimo appuntamento mondiale. Lorenzo cerca la vittoria, Pedrosa vuole recuperare ancora punti e poi l’assalto di tutti gli altri al podio.

Partiamo dalle novità di questo Gran Premio Aperol di San Marino e Riviera di Rimini che saranno due: Jonathan Rea e David Salom. Il nord irlandese, pilota regolare nel campionato superbike è stato il prescelto dai vertici di Repsol Honda per sostituire l’infortunato Casey Stoner e arriva a Misano con le idee un po’ più chiare dopo aver provato sia nei test ufficiali di Brno post gara che nella due giorni di Aragon della scorsa settimana. Per quanto riguarda il mallorquino, cugino del più giovane Luis pilota Moto3, è notizia di qualche giorno fa che sarà il nuovo pilota da qui alla fine della stagione per il team Avintia Blusens CRT, al posto di Ivan Silva, che rimarrà al seguito della squadra spagnola come collaudatore e pilota di riserva.

Detto questo, è ovvio e naturale che tutti gli occhi saranno puntati sull’accoppiata spagnola formata da Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa che dal GP di Assen, non perde occasione per dividere il podio ad ogni appuntamento mondiale. Il 99 e il 26 non si sono risparmiati la scorsa settimana in occasione dei test di Motorland (scenario del prossimo appuntamento) mantenendo alta la tensione e continuando lo sviluppo di M1 e RC213V in vista di un finale di stagione a dir poco incandescente.

Difficile che qualcuno possa inserirsi nella lotta per la vittoria anche se è innegabile che le Monster Yamaha Tech3 di Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow possano considerarsi alla pari delle ufficiali e sicuramente entreranno nella lotta per il podio dalla quale non vorrà sottrarsi nemmeno Ben Spies (Factory Yamaha), in cerca di riscatto in una stagione con più ombre che luci.

Importante appuntamento anche per Stefan Bradl (LCR Honda) e Alvaro Bautista (San Carlo Honda Gresini). I due, oltre a giocarsi la sesta piazza mondiale in classifica (divisi da appena tre punti) vogliono alzare il target: il tedesco punta ormai dichiaratamente al podio, mentre lo spagnolo cerca una riconferma nel San Carlo Gresini Team, unica moto tra le satelliti ancora in attesa di un pilota per la stagione 2013.

Capitolo Ducati che si apre con il rientro dell’americano Nicky Hayden (Ducati team) e dello spagnolo Hector Barberá (Pramac). Difficile che i due possano essere competiti quanto Valentino Rossi che qui la scorsa settimana ha provato per due giorni e dovrebbe partire con dei settaggi già collaudati. Per Karel Abraham (Cardion AB) l’occasione di trovare un po’ di continuità in un’annata difficile.

In CRT, già detto della novità Salom, sarà il compagno di squadra Yonny Hernandez il vero antagonista delle ART di Aleix Espargaró (Power Electronics Aspar). Per Colin Edwards (NGM Mobile Forward Racing) sarà il momento di trovare il feeling giusto con la sua Suter BMW dopo tante speculazioni. Con lo stesso prototipo ci sarà Danilo Petrucci (Iodaracing Project), mentre Mattia Pasini (Speed Master) e James Ellison (Paul Bird Motorsport) si contenderanno il terzo posto tra le ART. Con grandi motivazioni infine Michele Pirro, fresco di test con la Ducati, che tornerà sulla sua Honda FTR targata Gresini.

ARTICOLO COMPLETO:

motogp.com · MotoGP™ a Misano, riparte l’emozione.

SOURCE & CREDITS: MOTOGP.COM

========================================================================

Monday, 10 September 2012
The Gran Premio Aperol di San Marino e della Riviera di Rimini welcomes the MotoGP™ grid to Misano this coming weekend with the fight at the top of the premier class turning into a breath-taking spectacle with Yamaha Factory Racing’s Jorge Lorenzo and Repsol Honda Team’s Dani Pedrosa both on blistering form heading into this weekend.

With Pedrosa only 13-points adrift off his Spanish rival, he will undoubtedly be looking to claw back further points with only six races left in the season. Yet Lorenzo will have his say in the matter, having taken the win at Misano last year in dominant fashion. Repsol Honda’s Casey Stoner is still recovering from his ankle surgery two weeks ago, and will be replaced by SBK Ten Kate Honda rider Jonathan Rea of Northern Ireland. He has had a total of three test days on the Honda RC213V machine, and will he aiming to put on a good show in his first MotoGP™ outing.

Lorenzo’s teammate Ben Spies, who last time out had a weekend to forget, will be hoping for a trouble-free outing at the track, and get back to challenging for the podium. He will as usual face the challenge from Monster Yamaha Tech 3’s Andrea Dovizioso and Cal Crutchlow. The British rider not only took his first GP podium last time out; he also topped the timesheets in the official Brno test, making himself known as a serious threat at the Misano round. His Italian teammate will not wish to be beaten at his home round however, and will most certainly look to get the upper hand once more.

Ducati Team’s Valentino Rossi, who held a private test at the track two weeks ago, will be looking for a positive result at his local circuit, as he seeks to improve the Desmosedici for a good finish to the season. His American teammate Nicky Hayden, who missed the last race due to injury, will be back for the Italian race. He has never finished a race there since joining the Ducati Team in 2008. The factory Ducati pair will be gunning to finish ahead of the satellite Hondas of Stefan Bradl and Álvaro Bautista. LCR Honda MotoGP’s Bradl, who last week tested a factory RC213V, came second in the Moto2™ race last year, and will be hoping to challenge for a podium at the team’s home race, albeit with his current satellite machine. San Carlo Honda Gresini’s Álvaro Bautista will however have the same intentions and is likely to try and spoil the party.

The satellite Ducati machines will be back at full strength once more with Pramac Racing Team’s Héctor Barberá returning to the frame after recovering from his fractured vertebra, and Cardion AB Racing’s Karel Abraham buoyed by his ninth place finish in Brno. The CRT contingent has undergone some changes since Brno, with Spaniard David Salom replacing Iván Silva in the Avintia Blusens team, and Came IodaRacing Project’s Danilo Petrucci lining up on a Suter-BMW machine. NGM Mobile Forward Racing’s Colin Edwards will continue to race on his Suter bike, and will line up against the regular CRT grid of Power Electronics Aspar duo of Randy de Puniet and Aleix Espargaró, San Carlo’s Michele Pirro, Speed Master’s Mattia Pasini, Avintia’s Yonny Hernandez and Paul Bird Motorsport’s James Ellison.

FULL ARTICLE:

motogp.com · Lorenzo vs Pedrosa hots up as MotoGP™ heads to Misano.

SOURCE & CREDITS: MOTOGP.COM

Rossi test conclusi, Hayden in recupero


mercoledì, 29 agosto 2012
140 giri in due giorni per Valentino Rossi che prepara così il prossimo GP di Misano a metà settembre. Telaio e forcellone l’obiettivo primario. D’altra parte, Hayden recupera e nel prossimo appuntamento ci sarà.

Il pilota italiano ha completato 80 giri lavorando su set-up e aggiornamenti di ciclistica, già iniziati a testare dopo la gara del del Mugello, lo scorso 15 luglio. Tra questi, un nuovo telaio e un nuovo forcellone che saranno disponibili per la prossima gara di Misano.

Intanto, dagli Stats, Nicky Hayden ha fatto sapere che il suo recupero procede secondo i tempi stabiliti per il rientro nel GP di San Marino..

Valentino Rossi
“Abbiamo fatto una serie di prove di ciclistica e i risultati sono stati abbastanza interessanti anche se vanno verificati in un confronto con gli altri. Per il resto abbiamo lavorato sul set-up della moto con l’obiettivo di limitare il problema di calo di perfomance che in genere soffriamo dopo qualche giro, con il diminuire della resa delle gomme. Abbiamo avuto qualche segnale incoraggiante, da iverificare nel contesto di gara”.

Nicky Hayden
“È stata molto dura essere costretto a guardare le gare degli altri, così come è stato difficile accettare di non partecipare ai test e non provare cose che ci potrebbero servire quest’anno. Per il resto va tutto bene. Le ossa non guariscono in dieci giorni, ma il gonfiore è diminuito e sia la mano che la testa stanno molto meglio. Tutto procede come programma e io non vedo l’ora di tornare in moto”.

Filippo Preziosi
“In questi due giorni di test con Valentino ci siamo concentrati sulla ciclistica, e in base ai riscontri ottenuti, a partire dalla prossima gara porteremo un nuovo telaio e un nuovo forcellone. Nel frattempo il Reparto Corse continuerà a lavorare in linea con il piano di sviluppo definito sulla base del test di Aragon del giugno scorso. Nella restante parte della stagione, il Test Team ed i piloti ufficiali avranno la possibilità di provare ulteriori evoluzioni di ciclistica, che sono attualmente in fase di produzione”.

Articolo Completo: motogp.com · Rossi test conclusi, Hayden in recupero.
SOURCE & CREDITS: MOTOGP.COM

=====================================================================

Wednesday, 29 August 2012
Valentino Rossi today finished a two-day test at Misano, completing an intense period of work along with the Ducati Team technicians.

The Italian turned 80 laps while working with the chassis updates that he had first tried during the post-race test at Mugello on July 15. Among the updates were a new frame and a new swingarm, which will be available in time for the next race, at Misano.

Meanwhile, Nicky Hayden checked in from the United States, reporting that his recovery is proceeding according to plan for an anticipated return at the San Marino Grand Prix.

Valentino Rossi
“We carried out a series of tests with the chassis, and the results were interesting, though they still have to be checked against the other riders. We also worked on the bike’s setup, with the goal of trying to limit the drop in performance that we usually suffer after some laps, as the tyres wear. We had some promising signs there as well, and we’ll check them again in a race context.”

Nicky Hayden
“It was pretty tough to be home while my rivals were racing, and testing is also something that I hated missing, as we had some parts that we could possibly use this year. Everything else is good news though. Bones don’t heal in ten days, but the swelling is down in my hand, and the feeling is much better with both that and my head. Everything’s right on schedule, and I’m really looking forward to getting back on the bike.”

Filippo Preziosi
“Over these two days with Valentino, we focused on chassis testing. Based on the feedback he provided, we’ll bring a new frame and a new swingarm to the next race. In the meantime, the Corse department will continue working according to the development plan that was established following the June test at Aragon. Over the remainder of the season, the Test Team and the factory riders will have the opportunity to try further chassis evolutions, which are currently being produced.”

Full Article: motogp.com · Rossi test conclusi, Hayden in recupero.
SOURCE & CREDITS: MOTOGP.COM

MotoGP: Rossi e Lorenzo di nuovo compagni di squadra?


Valentino Rossi

Il comunicato ufficiale sarà diffuso nella mattinata di Ferragosto, ma già oggi possiamo dire con certezza assoluta che nelle prossime 2 stagioni Valentino Rossi correrà con la Yamaha al fianco di Jorge Lorenzo. Una decisione – quella del pilota – maturata nei giorni successivi alla pessima prestazione nel Gran Premio degli Stati Uniti conclusa da Rossi con una brutta caduta all’approccio della curva del cavatappi.

Insomma dalla Ducati Valentino non ha ricevuto le garanzie tecniche che invocava da mesi, quindi ha considerato la Yamaha come unica alternativa per chiudere in maniera dignitosa la sua carriera nel motomondiale prima di pensare a nuove avventure, che non escludono il suo passaggio alla Superbike.

A gennaio, nel meeting di Madonna di Campiglio, Rossi aveva sottolineato l’intenzione di correre in MotoGP fino al termine del 2014, di qui la durata biennale del contratto che lo legherà alla Yamaha. Con la casa giapponese Rossi ha vinto 46 Gran Premi e 4 titoli mondiali prima di un divorzio maturato per la difficile convivenza con Jorge Lorenzo che nel 2010 vinse il campionato. Ora i rapporti con il pilota spagnolo sono cambiati in meglio. La Ducati ovviamente era già al corrente della decisione e ora dovrà muoversi sul mercato per trovare un pilota da affiancare a Hayden nella prossima stagione. In pole position ci sono Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow. Chiudiamo con una piccola curiosità: sempre il 15 agosto di due anni fa, arrivò a Brno l’annuncio di Valentino in Ducati.

ARTICOLO COMPLETO: MotoGP: Rossi-Yamaha, è fatta?.

SOURCE & CREDITS: SPORT MEDIASET

Ciao Mugello, ci vediamo l’anno prossimo!


Fotografia di Felice Monteleone

La spettacolare cornice naturale nella quale il circuito internazionale del Mugello è incastonato, ha regalato ai suoi appassionati l’ennesimo weeked di adrenalina, ospitando la nona tappa del Motomondiale. Un caldo terribile, ed un’affluenza di spettatori paurosa, anche se inferiore alle passate edizioni, hanno accompagnato per tutto il weekend questo magnifico evento che da una parte ha visto la conferma del leader della classifica iridata Jorge Lorenzo, e dall’altra ha visto un Casey Stoner particolarmente in difficoltà; vuoi i problemi di chattering da lui lamentati su questa Honda, vuoi probabilmente uno stato d’animo particolare per l’annuncio del suo ritiro dalle gare, il Mugello ci hanno regalato un “canguro” meno saltellante del solito. Lorenzo è stato perfetto in tutte le giornate, ma purtroppo un problema elettrico alla sua M1 gli ha negato la Pole, proprio nelle ultime battute delle prove ufficiali; poco male visto il risultato finale.

Ma questo risultato non fa altro che confermare l’eccellente stato di forma del pilota della Yamaha, che ancora una volta conferma le sue straordinarie potenzialità sia in prova, sia sul passo di gara. Dietro Lorenzo un altro spagnolo dimostra di trovarsi in un ottimo stato di forma; Dani Pedrosa agguanta infatti la seconda posizione a +5.223 da un imprendibile capo classifica. Al terzo posto, a completare il podio del Mugello, l’ennesima conferma di questa edizione del Motomondiale; Andrea Dovizioso con la sua Monster Yamaha Tech3 si dimostra infatti costante e con un ottimo passo in gara; chissà, magari le performance e gli ottimi piazzamenti di questa stagione gli potrebbero consentire di fare in salto nel Team Yamaha ufficiale.

Il Mugello porta bene anche a Valentino Rossi, con un quinto posto che lascia intravedere qualche speranza in questo “matrimonio all’Italiana”. Il pluricampione del mondo infatti conduce una gara molto costante e con un buon passo gara, denunciando però una partenza non perfettamente riuscita, che lo avrebbe potuto portare probabilmente sul podio. Queste le dichiarazioni del campione di Tavullia:

Credo che quello di oggi, nel complesso, sia stato il miglior risultato della Ducati sull’asciutto perché anche Nicky ha fatto una buona gara. Siamo quindi abbastanza contenti, anche perché il nostro passo è stato buono, soprattutto nella parte finale. Purtroppo ho perso tempo all’inizio: non solo ero in quarta fila, sono partito pure male. Mi sono liberato abbastanza in fretta di diversi piloti ma avevo accumulato ugualmente troppo svantaggio, altrimenti sul podio oggi, probabilmente, si poteva arrivare. Purtroppo in prova soffriamo troppo: di solito riusciamo ad avere un ritmo discreto con le gomme dure ma quando montiamo la morbida non riusciamo a togliere quei cinque o sei decimi, almeno, che levano gli altri. Sono due gare che lavoriamo su un “setting” che mi permette di essere costante fino alla fine della gara ma che, nello stesso tempo, mi mette più in difficoltà con l’anteriore. Quindi, quando metto la gomma morbida, l’”extra grip” che ne deriva accresce ulteriormente il problema e non riesco a sfruttare il vantaggio che avrei in accelerazione perché non riesco ad inserire efficacemente la moto in curva. Dobbiamo cercare di lavorare su questo aspetto: domani abbiamo una giornata di test quindi vedremo.

Ma lo spettacolo è sempre di casa al Mugello; infatti in Moto3 una gara al cardiopalma porta sul podio il giovanissimo Romano Fenati, mentre in Moto2 un grandissimo Andrea Iannone porta i colori italiani sul gradino più alto del podio, con una gara spettacolare.

Prossima tappa il Gran Premio degli Sati Uniti a Laguna Seca tra due settimane.
Ciao ragazzi alla prossima!

Rossi – “Vogliamo far meglio dell’Estoril”


Valentino Rossi guarda con ottimismo al prossimo appuntamento di Le Mans: “. Le Mans è un altro posto dove il meteo, soprattutto in questa stagione, può essere difficile ma è anche la pista dove l’anno scorso ho fatto il mio miglior risultato con la Ducati”…..

Articolo Completo: Motomondiale – Rossi “Vogliamo far meglio dell’Estoril” – Yahoo! Eurosport.
FONTE e IMMAGINI: EUROSPORT.COM

Photo – Yellow Passion


Valentino Rossi is probably one of the best riders in the motorcycling history. He has thousand and thousand of fans all over the world. Nine world championships on his shoulders have made of Valentino Rossi probably one of the most loved driver of the last years. Following some pictures directly from the Mugello Grand Stand. Now the “YELLOW” is becoming the symbol of an entire motorcycling age!!!


Copyright©FeliceMonteleone

Un sorpasso da “straccio” di licenza


Così è stato definito dai commentatori di Sport Mediaset il sorpasso di Valentino Rossi ai danni di Jorge Lorenzo nel GP dai Catalunya del 2009…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: