Archivi Blog

MotoGP 2014: ALVARO BAUTISTA E SCOTT REDDING CONCLUDONO I TEST DI SEPANG RACCOGLIENDO DATI PREZIOSI


0_bau_hires

OFFICIAL GRESINI PRESS RELEASE – 6 Febbraio 2014

Si è conclusa oggi la tre giorni di prove della MotoGP sul circuito di Sepang: sia Alvaro Bautista che Scott Redding hanno continuato il lavoro impostato nei primi due giorni, raccogliendo dati preziosi in vista dei test che si terranno a fine mese nuovamente sul tracciato malese.

In sella alla Honda RC213V, Bautista ha provato diverse soluzioni di assetto alla ricerca di un maggior grip al posteriore: al momento lo spagnolo sta infatti faticando a sfruttare al cento per cento le nuove gomme Bridgestone per la stagione 2014, anche se il team, supportato da Showa, ha già alcune idee per progredire in vista dei prossimi test. 2’00”788 il miglior giro di Alvaro, in 63 giri totali. Sulla Honda RCV1000R, Redding ha completato una sessantina di giri con un miglior tempo di 2’02”833; il rookie inglese ha affrontato il primo vero test in MotoGP senza errori, prendendo confidenza con la moto e migliorando gradualmente i tempi: a fine mese riprenderà il lavoro su assetto e elettronica.

Il Team GO&FUN Honda Gresini tornerà in azione a Sepang per la tre giorni di test programmata per il 26, 27 e 28 febbraio.

ALVARO BAUTISTA (2’00″788 – 63 GIRI)
“Oggi abbiamo proseguito il lavoro fatto nei primi due giorni di test, sostanzialmente i nostri sforzi si sono concentrati nuovamente sulle sospensioni alla ricerca di una maggiore aderenza al posteriore e di un miglior feeling generale con la moto. È stato fatto un piccolo passo avanti rispetto a ieri, però non riusciamo ancora a sfruttare al massimo le nuove gomme Bridgestone: al momento ci offrono meno grip rispetto a quelle dello scorso anno e di conseguenza non riesco ancora ad agire sull’acceleratore come vorrei. Nei test in programma a fine mese lavoreremo tanto su questo aspetto. Dovremo migliorare anche sulla velocità sul giro secco: questa mattina ho montato la gomma morbida ma anche in questo caso non siamo riusciti a sfruttarla e non sono stato velocissimo. Per quanto riguarda il passo gara invece sono abbastanza soddisfatto, essendo riuscito a fare molti giri consecutivi vicini al mio miglior tempo. Il bilancio comunque è positivo: c’è ancora tanto lavoro da fare, ma sia noi che Showa abbiamo raccolto dati importanti in vista dei prossimi test”.

SCOTT REDDING (2’02″833 – 60 GIRI)
“Oggi ho potuto compiere un altro passo in avanti, sto imparando pian piano a far scivolare la moto per farla curvare meglio e in generale mi sento più a mio agio mentre guido. Purtroppo le condizioni difficili della pista nel pomeriggio non mi hanno permesso di migliorare molto i miei tempi, ma sono contento di come è andato il mio primo test con il team: nelle prossime prove a fine mese ci concentreremo sulle sospensioni e sull’affinamento dell’elettronica, in particolare del controllo di trazione”.

3_red_hires

FAUSTO GRESINI
“Sono stati tre giorni di test importanti, anche se la classifica non ci rende giustizia: purtroppo nei primi due giorni il programma di lavoro con Bautista è proseguito un po’ a rilento e quindi in questa ultima giornata non siamo essere riusciti ad essere competitivi come ci aspettavamo, anche se Alvaro ha già messo in mostra un buon passo. Non sono comunque preoccupato, ci aspetta un altro test a fine mese nel quale cercheremo di migliorare, soprattutto nella ricerca di più grip. Riguardo a Scott, il bilancio è positivo: non va dimenticato che è soltanto all’inizio di questa avventura; tre giornate di test su una MotoGP in una pista come Sepang non sono facili per un debuttante, ma Redding è migliorato giorno dopo giorno senza fare errori. Ci vorrà ancora un po’ di tempo per vedere tutto il potenziale suo e della RCV1000R”.

English Version:

ALVARO BAUTISTA AND SCOTT REDDING CONCLUDE SEPANG TEST COLLECTING VALUABLE DATA

Team GO&FUN Honda Gresini completed today an exhaustive three days of testing at the Sepang International Circuit. Both Alvaro Bautista and Scott Redding continued the work set in the first two days, collecting valuable data ahead of the next test to be held later this month, again on the Malaysian track.

Aboard his Honda RC213V, Bautista tried different set-up solutions looking for more traction: the Spaniard is struggling a little bit with the new Bridgestone tyres for the 2014 season, although the team, together with Showa, has already some ideas to improve. Alvaro signed off the three days of testing putting in 63 laps with a best time of 2’00”788. Scott signed off the test putting in 60 laps setting a best time of 2’02”833; the English rookie faced his first real test in MotoGP without making mistakes, getting to grips with the bike and gradually improving his lap times: later this month he will resume work on bike set-up and traction control.

The Team GO & FUN Honda Gresini will return to action at Sepang for the three-day test scheduled on 26th, 27th and 28th of February.

ALVARO BAUTISTA (2’00″788 – 63 LAPS)
“Today we continued the work done in the first two days of testing: basically our efforts were focused again on the suspension, looking for more grip on the rear and for an overall better feeling with the bike. We made a small step forward, but at the moment we still can not take full advantage of the new Bridgestone tyres; we have less grip than last year and as a result I still can not open the throttle as I would like. Later this month, in the next tests, we will work hard on this aspect. We also need to improve the speed on the single lap: this morning I put on the softer tyre, but we were not able to exploit it, and I was not very fast. However, I’m quite happy of my race pace, as I was able to do many consecutive laps close to my best time. My opinion on this first test is positive: there is still much work to do, but the team and Showa have collected valuable data for the upcoming test”.

SCOTT REDDING (2’02″833 – 60 LAPS)
“Today I was able to take another step forward: I am learning how to slide the bike to get it turned on exit and in general I felt more at ease while riding. Unfortunately, the difficult conditions of the track in the afternoon did not allow me to improve a lot of my lap time, but I’m happy with how my first test with the team went; later this month we will come back in Sepang, and we will continue to work on the suspension and on electronic set-up refinement, in particular traction control”.

FAUSTO GRESINI
“It’s been an important three-day test, although the final classification does not do justice to us; unfortunately we lost a bit of time in the first two days with Bautista, so in this last day we were not be able to be as competitive as expected, although Alvaro already showed a good pace. Anyway I’m not worried, we have another test later this month in which we will try to improve, especially for rear grip. With respect to Scott, the balance is positive: we must not forget that it’s only the beginning of this adventure. Three days of testing on a MotoGP bike on a track like Sepang is not easy for a rookie, but Redding has improved day after day without doing mistakes. It will take a little more time to see his full potential”.

MotoGP 2014: Marquez domina anche la seconda giornata di test


Doppietta Repsol Honda nella seconda giornata di test ufficiali al Sepang International Circuit.
Il neo campione del mondo Marc Marquez continua a dominare seguito dal connazionale compagno di squadra Dani Pedrosa. Valentino Rossi è quarto a più di mezzo secondo.
Ottima la prestazione di Aleix Expargarò con la sua “Open” nella top five virtuale.

Marc Marquez

Tramonta il sole a Sepang, ma la storia non cambia. Infatti anche oggi a dettare legge al Sepang International Circuit è sempre lui, il campione del mondo Marc Marquez. Il pilota spagnolo, rimane in testa nella classifica virtuale per l’intera giornata di test, permettendosi anche il lusso di abbattere il muro dei 2″ facendo fermare il cronometro, poco prima della pausa pranzo, sullo spettacolare tempo di 1’59.926, a soli 3 decimi dal record della pista tuttora detenuto dal campione australiano Casey Stoner.
Il team Repsol Honda può sicuramente ritenersi soddisfatto visto che alle spalle di Marquez c’è il suo compagno di squadra Dani Pedrosa con un ritardo di 4 decimi di secondo.

Dani Pedrosa

Stefan Bradl completa il terzetto Honda chiudendo il podio virtuale che va così completamente alla casa giapponese.
In questa seconda giornata di test il pilota tedesco del team Honda LCR è stato sempre tra i più veloci non allontanandosi mai dalle primissime posizioni.
Ad interrompere il predominio nipponico ecco, al quarto posto assoluto, Valentino Rossi e la sua Yamaha M1. Durante il corso della giornata il pilota di Tavullia si è dedicato soprattutto alle regolazioni di assetto della sua moto, atte a trovare il feeling migliore. Ma la vera sorpresa di questo secondo turno è stato sicuramente il quinto posto di Aleix Espargarò che porta la sua Open del Team NGM Forward Mobile proprio a ridosso del pilota italiano, accusando un solo decimo di distacco dal nove volte campione del mondo.

Aleix Espargarò

In ritardo Jorge Lorenzo, che non è riuscito a tenere il passo dei primi, concentrandosi quindi sulle regolazioni e sui vari set-up della sua M1. Segue il pilota inglese del Team Yamaha Monster Tech3 Bradely Smith; alle sue spalle ecco la prima Ducati, ma non è quella ufficiale, ma quella di Andrea Iannone e a seguire la Honda del Team Gresini di Alvaro Bautista

Jorge Lorenzo

MARC MARQUEZ (Honda HRC Repsol):
“Oggi abbiamo continuato con la tabella che avevamo programmato, valutando diversi componenti. Abbiamo fatto diverse prove con miglioramenti in alcuni punti.” ha detto il giovane talento fornendo preziose informazioni agli ingegneri HRC.”Per quanto riguarda la messa a punto, abbiamo migliorato la stabilità in frenata, credo che abbiamo finalmente trovato un buon compromesso.”

DANI PEDROSA (Honda HRC Repsol):
“Oggi abbiamo testato il nuovo telaio mettendolo a confronto con la versione precedente; continueremo anche domani, perché non mi è chiaro quale sia la migliore. Con i due avevano buoni sentimenti , ma ho bisogno di più giri per scegliere uno chiaramente.”

STEFAN BRADL (Honda LCR):
“Oggi sono veramente soddisfatto: è bello stare di nuovo lì davanti con Dani e Marc. Abbiamo fatto dei grossi miglioramenti e ho girato un secondo più forte rispetto a ieri grazie anche alle modifiche sull’anteriore che mi hanno permesso di essere più a mio agio in frenata. Sapevamo che il nostro potenziale su questa moto era maggiore e oggi siamo stati veloci e costanti. Spero di continuare così anche domani; abbiamo in programma una simulazione di gara per chiudere i test e tornare a casa con una buona base per il futuro”.

ALEIX ESPARGARO’ (OPEN NGM Forward Mobile):
“Sono molto contento perchè questa mattina sono riuscito a girare 1 secondo piú veloce rispetto a ieri. Certo c’è molto da fare perchè devo non solo conoscere meglio l’elettronica, ma anche adattare il mio stile di guida alla moto, per sfruttarne al massimo il potenziale. Oggi abbiamo lavorato sul telaio e provato cinque tipi diversi di gomme. Domani avremo invece un long run per capire come si comporta l’elettronica, specie nella seconda parte di gara”.

ANDREA DOVIZIOSO (Ducati Team):
“Sono contento dei progressi che abbiamo fatto, non mi aspettavo di provare delle sensazioni così buone nel primo test dell’anno” ha commentato Andrea Dovizioso, 11° quest’oggi col crono di 2’01.146. Siamo riusciti a migliorare in inserimento e anche ad avere un po’ più di velocità in centro curva. Acceleriamo un po’ più forte perché la moto si impenna di meno e quindi possiamo usare più potenza. Ci siamo avvicinati ai primi come tempi, come passo anche, ma c’è ancora tanto lavoro da fare. Però giudico i miglioramenti che abbiamo fatto in questi primi due giorni più che positivi.”

CAL CRUTCHLOW (Ducati Team):
“Credo di essere uno dei piloti che ha migliorato di più oggi come tempo sul giro” ha esordito un raggiante Cal Crutchlow. L’inglese, oggi 12º dietro il suo compagno di squadra, ha continuato: “Ieri ero un po’ arrugginito e non avevo il feeling giusto sulla moto, ma il problema è stato soltanto mio. Oggi abbiamo girato solo con la GP14, testando alcuni assetti che non avevamo avuto tempo di provare ieri. Il risultato è stato positivo e quindi abbiamo fatto un buon passo in avanti. La nuova moto è molto migliorata nell’ingresso in curva, ed è un fatto positivo per la Ducati.”

CRONO DELLA SECONDA GIORNATA DI TEST:

Pos Rider Team Fastest lap Lead. Gap
1 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:59.926
2 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 2:00.336 0.410 0.410
3 BRADL, Stefan LCR Honda MotoGP 2:00.339 0.413 0.003
4 ROSSI, Valentino Yamaha Factory Racing 2:00.464 0.538 0.125
5 ESPARGARO, Aleix NGM Mobile Forward Racing 2:00.547 0.621 0.083
6 LORENZO, Jorge Yamaha Factory Racing 2:00.573 0.647 0.026
7 SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 2:00.603 0.677 0.030
8 IANNONE, Andrea Pramac Racing 2:00.855 0.929 0.252
9 BAUTISTA, Alvaro GO&FUN Honda Gresini 2:00.897 0.971 0.042
10 ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 2:01.061 1.135 0.164
11 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 2:01.146 1.220 0.085
12 CRUTCHLOW, Cal Ducati Team 2:01.396 1.470 0.250
13 PIRRO, Michele Ducati Test Team 2:02.177 2.251 0.781
14 HAYDEN, Nicky Drive M7 Aspar 2:02.287 2.361 0.110
15 EDWARDS, Colin NGM Mobile Forward Racing 2:02.545 2.619 0.258
16 HERNANDEZ, Yonny Energy T.I. Pramac Racing 2:02.675 2.749 0.130
17 AKIYOSHI, Kosuke HRC Test Team 2:02.692 2.766 0.017
18 AOYAMA, Hiroshi Drive M7 Aspar 2:02.825 2.899 0.133
19 NAKASUGA, Katsuyuki Yamaha Factory Test Team 2:02.970 3.044 0.145
20 DE PUNIET, Randy Suzuki Test Team 2:03.064 3.138 0.094
21 REDDING, Scott GO&FUN Honda Gresini 2:03.117 3.191 0.053
22 LAVERTY, Michael Paul Bird Motorsport 2:03.528 3.602 0.411
23 BARBERA, Hector Avintia Racing 2:04.551 4.625 1.023
24 PARKES, Broc Paul Bird Motorport 2:04.619 4.693 0.068
25 ABRAHAM, Karel Cardion AB Motoracing 2:05.261 5.335 0.642
26 DI MEGLIO, Mike Avintia Racing 2:05.355 5.429 0.094

Domani, dalle 10 alle 18 ora locale (GMT +8 ), la terza e ultima giornata di questa prima settimana di test ufficiali a Sepang della MotoGP.

FIRMA_500

MotoGP 2014: QUINTO TEMPO PER BAUTISTA NEL PRIMO GIORNO DI TEST IN MALESIA. REDDING ACCUMULA ESPERIENZA


bautista_day1_hires

OFFICIAL GRESINI PRESS RELEASE – 4 Febbraio 2014

In Malesia ha ufficialmente preso il via la stagione 2014 della MotoGP, con i primi test sul circuito di Sepang. Dopo la lunga pausa invernale, entrambi i piloti del Team GO&FUN Honda Gresini sono potuti risalire sulle rispettive moto: Alvaro Bautista ha preso contatto con la versione 2014 della Honda RC213V, mentre il suo compagno di squadra, Scott Redding, ha potuto conoscere in maniera più approfondita la Honda RCV1000R, recuperando il tempo perso lo scorso novembre a Valencia per via del polso ancora dolorante.

Bautista ha completato 52 giri, chiudendo la prima giornata di test malesi in quinta posizione con un miglior tempo di 2’01”240; Scott Redding ha invece completato 48 giri, segnando un tempo di 2’04”431.

bautista_day1_hires2

I test riprenderanno domani per il secondo dei tre giorni di prove programmati al Sepang International Circuit.

ALVARO BAUTISTA (2’01″240 – 52 GIRI)
“E’ stata una prima giornata di test molto positiva! È stato bello tornare su una MotoGP dopo quasi tre mesi di pausa: nei primi giri ho dovuto riprendere confidenza con la moto, riattivare i meccanismi e ritrovare i giusti riferimenti, ma ad essere sincero non mi ci è voluto molto, perché mi sono subito trovato a mio agio con la nuova RC213V. Oggi mi sono concentrato fondamentalmente a riprendere il ritmo, senza intervenire sull’assetto: domani inizieremo invece a lavorare sulle sospensioni assieme ai tecnici Showa, che hanno portato diverso materiale nuovo, e anche sui freni Nissin; ne proveremo di diversi tipi per cercare di migliorare anche in fase di frenata. Parlando della RC213V versione 2014, mi è piaciuta subito, credo che il pacchetto composto da telaio, motore e sospensioni sia già molto buono, un’ottima base sulla quale lavorare in vista della prima gara”.

SCOTT REDDING (2’04″431 – 48 GIRI)
“È stata una prima giornata positiva, sono felice di essere tornato finalmente a guidare al cento per cento, senza problemi al polso, anche se fisicamente per me è stata comunque una giornata dura a causa del caldo. Sulla RCV1000R mi trovo già bene, anche sarà necessario lavorare sull’elettronica e sulla frenata per progredire. Domani lavoreremo anche sull’assetto cercando di migliorare il comportamento della moto in curva”.

redding_day1_hires5

redding_day1_hires3

FAUSTO GRESINI
“Sono contento di come si è svolto questo primo giorno di test: ad Alvaro è piaciuta subito la nuova moto e infatti è stato molto veloce, tanto che nel finale avrebbe anche potuto migliorare leggermente il suo miglior tempo. Abbiamo riscontrato soltanto qualche difficoltà in fase di frenata, per questo stiamo già lavorando assieme ai tecnici di Nissin per trovare una soluzione già a partire da domani, quindi sono fiducioso. Per quanto riguarda Scott, si è trattato di fatto del suo primo vero test, per cui non ha cercato il tempo, ma ha soltanto puntato a prendere confidenza con la moto. Domani avremo tanto lavoro da fare, siamo certi di avere un buon margine di miglioramento”.

English Version:

Malaysia has officially kicked off the 2014 MotoGP season, with the first day of testing at the Sepang International Circuit. After the long winter break, both riders of Team GO&FUN Honda Gresini were back on the saddle: Alvaro Bautista quickly got to grips with the new 2014 version of the Honda RC213V, while his teammate, Scott Redding, was able to complete several laps on his Honda RCV1000R, recovering some of the time lost last November in Valencia because of the wrist still sore.

Bautista completed 52 laps, finishing the first day of testing in Malaysia in fifth position with a best time of 2’01”240, while Scott Redding completed 48 laps, setting a time of 2’04”431.

Practice will resume tomorrow for the second of three days of testing scheduled at the Sepang International Circuit.

ALVARO BAUTISTA (2’01″240 – 52 LAPS)
“It’s been a very positive first day of testing! It was nice to be back on a MotoGP bike after nearly three months of winter break: in the first laps I had to regain confidence with the bike, re-activate the mechanisms and find the right references, but to be honest it took me not too much, because I immediately found at ease with the new RC213V. Today I focused basically on regaining the right rythm, without working on bike set-up; however, tomorrow we will begin to work on the suspension together with Showa, which brought some new items, and also on the Nissin brakes, testing different kind of brakes to try to improve also the braking. Speaking about the new RC213V, I loved it: I think the package of chassis, engine and suspension is already very good, an excellent base on which to work ahead of the first race”.

SCOTT REDDING (2’04″431 – 48 LAPS)
“This first day of testing was good, I was really happy to ride again at full strength, without physical problems, although it was hard for me to ride all day because of the weather conditions. The bike was working well, I like riding it, but we need to improve on the electronic and braking. Tomorrow we will focus on set-up, in order to make the bike turn better”.

FAUSTO GRESINI
“I’m happy about this first day of testing: Alvaro immediately liked the new bike and it was very fast. We found only a few difficulties during braking, but we are already working together with Nissin engineers to find a solution as early as tomorrow, so I’m confident about it. Regarding Scott, it was actually his first real test, so his focus was not on lap times, but he only managed to get familiar with the bike. Tomorrow we will have much work to do, we are sure to have a good margin of improvement”.

MotoGP 2014: Marquez leads on opening day of Sepang test


header

2014 MotoGP™ Official Press Release

World Champion Marc Marquez topped the timesheets as this week’s Sepang Official MotoGP™ Test began today. The Repsol Honda Team rider led the way from Yamaha Factory Racing’s Valentino Rossi and Honda team-mate Dani Pedrosa, with leading Open rider Aleix Espargaro seventh for NGM Mobile Forward.

marc_high

valentino_high

Following the usual break for lunch in the middle of the day, the final of the eight hours saw track temperatures drop which allowed riders to push for quicker lap times. This duly saw Marquez post 2’00.286, half a second up on Rossi as both the Italian and Marquez’s team-mate Dani Pedrosa jumped ahead of Jorge Lorenzo’s Yamaha in the final minutes of the day. The top six was completed by GO&FUN Honda Gresini’s Alvaro Bautista and LCR Honda MotoGP’s Stefan Bradl.

stefan_high

At Repsol Honda, this year’s RC213V features a larger air intake in an attempt to increase top speeds and improve throttle response on the exit of corners, with Marquez posting the leading effort fresh from historically claiming the title in Valencia last year. In the Yamaha garage, Rossi continued to develop his working relationship with new Crew Chief Silvano Galbusera, who first worked alongside the nine-time World Champion for the post-race test after the final Grand Prix of 2013.

Much attention was on Ducati Team, with talk continuing to circulate that the outfit could elect to race under the new Open regulations this year; this would allow up to 24 litres of fuel as opposed to the 20 of the Factory Options, as well as working on engines during the season and not being limited by the new engine freeze. Also this season, all bikes in the field are running the spec ECU hardware for the first time; however Factory Options are free to use their own software, whereas Opens must adapt the spec software as supplied by Dorna Sports and Magneti Marelli.

The leading Open representative on this occasion was Forward’s Aleix Espargaro (seventh position), with Factory Option riders Andrea Iannone (Pramac Racing), Pol Espargaro and Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3 team-mates) helping to complete the top ten. Colin Edwards (Forward) overcame early technical difficulties to finish 11th quickest, as Ducati Team filled spots 12 to 14 with Andrea Dovizioso, test rider Michele Pirro and Cal Crutchlow. The leading Honda RCV1000R customer bike was that of 2006 title winner Nicky Hayden (Drive M7 Aspar) in 17th place.

cal_high

At Paul Bird Motorsport, Michael Laverty (25th position) suffered a frustrating start to proceedings, plagued first by brake problems and then by an engine failure. All teams were present with the exception of IodaRacing, which plans to make its 2014 track debut at the second Sepang test which is to run at the end of the month.

Testing continues at the Sepang International Circuit over the next two days, again running between 10am and 6pm local time (GMT +8).

MAX MUGELLI (BMW) LANCIA LA SFIDA PER IL PROSSIMO ROUND DI IMOLA DELLA SUPERSTARS DOVE PUNTA ANCORA AL PODIO


Banner

L’ALFIERE DEL TEAM BMW DINAMIC POSITIVO PER IL FINALE DI STAGIONE DELLA SERIE INTERNAZIONALE

Roma, 10 settembre 2013

L’ultimo appuntamento della SUPERSTARS di Donington Park, oltre a celebrare le vittorie di Luigi Ferrara (Mercedes C63 AMG Coupé R.R.T.) e di Gianni Morbidelli (Audi RS5 Audi Sport Italia), ha visto il ritorno sul podio di Max Mugelli che ha conquistato la terza posizione in Gara 2 alla guida di una BMW M3 E92 del Team BMW Dinamic.

max-mugelli-1024

l portacolori della Casa dell’Elica ha raccontato il suo weekend inglese e le sue aspettative sugli ultimi due appuntamenti di Imola (29 settembre) e Vallelunga (13 ottobre).

“Finalmente è arrivato il podio – ha esordito Max Mugelli – Dall’inizio di quest’anno sapevo che avevamo tutte le carte in regola per giocarci le prime tre posizioni, ma per una serie di sfortune non eravamo ancora riusciti a concretizzare il tanto lavoro svolto da me e dal team. Ci tengo a ringraziare il Team BMW Dinamic che ha preparato una vettura estremamente competitiva, lo testimonia il fatto che ad oggi non abbiamo riscontrato nessun problema tecnico. Con tutto me stesso ho cercato questo risultato, non è stato un momento facile per la mia carriera, ma in Inghilterra ho fatto vedere di cosa sono capace. In Gara 2 la mia M3 è stata la più veloce tra le BMW. Stare davanti al campione BTCC Colin Turkington, che a Donington giocava in casa, mi ha davvero stimolato per dare il massimo. Nelle prossime due tappe si torna in Italia, Imola e p oi Valleunga. Quest’ultima penso sia più adatta alle caratteristiche della nostra vettura, ma ce la metterò tutta per salire ancora sul podio a partire dal circuito del Santerno, dove do appuntamento a tutti i fan della SUPERSTARS”.

Logo2013

LUIGI FERRARA RACCONTA LA SUA PRIMA VITTORIA STAGIONALE NELLA SUPERSTARS CON LA MERCEDES C63 AMG COUPÉ


Banner

L’ASSO DEL R.R.T. È CONCENTRATO SU IMOLA, DOVE PUNTA A BISSARE IL SUCCESSO DELL’INGHILTERRA

Roma, 4 settembre 2013

Il messaggio che arriva d’oltremanica è forte e chiaro: Luigi Ferrara c’è! Dopo aver impressionato tutti mettendo a segno la pole position al primo giro e per di più senza aver preso parte alle libere, il portacolori del R.R.T. ha portato sul gradino più alto del podio di Donington per la prima volta la Mercedes C63 AMG Coupè.

Sfortunata invece la seconda gara, dove la coupé tutta gialla è dovuta rientrare ai box per un inconveniente tecnico al motore.

luigi-ferrara-1024

Allo stesso Ferrara abbiamo chiesto di raccontarci il suo weekend inglese:

“Il fine settimana è iniziato veramente in salita. Abbiamo dovuto cambiare il motore della Mercedes per poter fare almeno le qualifiche, ma il team devo ammettere che ha fatto davvero un ottimo lavoro. Ho abbassato la visiera e mi sono giocato il tutto per tutto. Pole staccata con la bandiera a scacchi che stava ancora sventolando, ma sapevo che era troppo presto per festeggiare. Le gare della SUPERSTARS riservano sempre tante sorprese, quindi ero consapevole di dover sfruttare al massimo la partenza per cercare di staccare i miei rivali se volevo provare a vincere, e così è stato. Ultima curva del giro lanciato e gas spalancato per affrontare la prima staccata che può compromettere la tua gara al minimo sbaglio. Sono stato bravo e sono riuscito a rimanere davanti. Tanta paura invece su quella macchia d’olio lasciata dalla Lexus al tornantino, per un attimo ho immaginato di dover appendere la tuta senza il profumo dello spumante sop ra, ma ho tenuto la traiettoria giusta e sono andato a prendermi la vittoria. Quest’anno siamo stati perseguitati da problemi tecnici sulla nostra vettura, ma non ci siamo mai scoraggiati ed abbiamo continuato a lavorare duro. Ora penso ad Imola, circuito dove ho vinto in tante categorie. Spero di bissare la prestazione di Donington anche se purtroppo non possiamo giocarci il titolo, sfida che rimandiamo al 2014”.

“Abbiamo un pilota ed una vettura veloce – ha dichiarato Nico Caldarola (Team Manager R.R.T.) – tutti i nostri sforzi, sono stati finalmente ripagati. Credo nella SUPERSTARS, ed aver sviluppato in completa autonomia una vettura che sta iniziando a dare i frutti sperati mi inorgoglisce. Puntando su Ferrara quest’anno sapevo di fare la cosa giusta. Poter salire sul gradino più alto del podio dopo più di un anno ci da la carica per affrontare con la mentalità giusta gli ultimi due appuntamenti del 2013, dove scommetto che saremo ancora tra i protagonisti”.

Logo2013

SUPERSTARS INTERNATIONAL SERIES: A DONINGTON VITANTONIO LIUZZI PRIMO NELLE PROVE LIBERE 2 DAVANTI AL COMPAGNO DI SQUADRA THOMAS BIAGI


Logo2013

COLIN TURKINGTON PORTA LA BMW DELLA SCUDERIA GIUDICI ALLE SPALLE DELLE MERCEDES UFFICIALI

Donington Castle, 31 agosto 2013

A Donington Vitantonio Liuzzi sale in cattedra nel secondo turno di prove libere e stacca il compagno di squadra Thomas Biagi per poco più di mezzo secondo. Dietro le due C63 AMG ufficiali (Mercedes-AMG Romeo Ferraris), il britannico Colin Turkington su BMW M3 E92 by Scuderia Giudici ha dato prova di essere particolarmente ispirato sul tracciato inglese dove è al debutto assoluto nella SUPERSTARS.

tonio-liuzzijpg-donington-2013

Non da meno è stata anche la prestazione di Francesco Sini, quarto con la Chevrolet Camaro (Solaris Motorsport) che sembra dare ottimi segnali di adattamento alla conformazione del circuito di Donington su cui la muscle car correrà per la prima volta proprio questo weekend. In ripresa Giovanni Berton quinto con la BMW M3 Team BMW Dinamic, che va a migliorare sostanzialmente i rilevamenti cronometrici fatti registrare nel turno precedente in cui era rimasto leggermente indietro. Alle spalle del pilota veneto si sono piazzati i due ex F1 Gianni Morbidelli (Audi RS5 Audi Sport Italia) e Domenico Schiattarella (Chevrolet Lumina), rispettivamente sesto e settimo al termine della sessione.

In evidenza anche Roberto Papini al rientro nella SUPERSTARS dopo più di un anno d’assenza, decimo con la Mercedes C36 AMG della Caal Racing con cui è stato preceduto dal compagno di squadra Andrea Bacci e dalla BMW M3 di Max Mugelli.

Da segnalare l’esposizione di una bandiera rossa da parte dei commissari di gara a seguito dell’arresto improvviso della Mercedes C63 AMG Coupé di Luigi Ferrara costretta al ritiro a causa di alcuni inconvenienti tecnici al motore.

Prove Libere 2 (top 5):
1. Liuzzi (Mercedes C63 AMG) 1’34”631;
2. Biagi (Mercedes C63 AMG) 1’35”157;
3. Turkington (BMW M3 E92) 1’35”228;
4. Sini (Chevrolet Camaro) 1’35”229;
5. Berton (BMW M3 E92) 1’35”889.

Banner

SuperStars International Series: ZOLDER Media Gallery


GTSPRINT INTERNATIONAL SERIES: LO “SQUADRONE” AF CORSE PRONTO A SCENDERE IN PISTA A MONZA CON QUATTRO FERRARI 458 ITALIA


DOPO I TEST UFFICIALI DI MONZA, LA COMPAGINE DI AMATO FERRARI TORNERA’ SUL TRACCIATO BRIANZOLO PER LA PRIMA GARA STAGIONALE IL PROSSIMO 7 APRILE

Roma, 28 Marzo 2013

Lo “squadrone” della AF Corse è pronto ad inaugurare la stagione 2013 della GTSPRINT INTERNATIONAL SERIES con ben quattro Ferrari 458 Italia, tre GTS3 ed una GTS2.

gtsprint-international-series_resize

Proprio al volante di quest’ultima si alternerà la coppia bielorussa formata da Alexander Talkanitsa e Alexander Talkanitsa Jr. (rispettivamente padre e figlio), protagonisti nel Winter Series GT Open in cui hanno messo a segno da poco due vittorie su quattro. Oltre alla 458 GTS2, una delle GTS3 sarà affidata al consolidato duo composto da Claudio Sdanewitsch e Michele Rugolo, equipaggio di assoluto rilievo formato dal pilota tedesco e da quello italiano che dal 2011 si è messo in luce sempre nell’International GT Open. Una seconda rossa di Maranello, compresa nello stesso raggruppamento, vedrà alternarsi alla guida negli appuntamenti da 60’ della GTSPRINT, i tailandesi Pasin Lathouras e Tanakorn Ramindra.

Al volante dell’ultima 458 (GTS3), schierata dal Team Ferrari Ukraine (squadra che vanta il supporto tecnico della AF Corse), ci saranno invece Andrii Kruglyk e Ruslan Tsyplakov, che godranno del supporto di un pilota dalla grande esperienza: Raffaele Giammaria. Quest’ultimo nel ruolo di “driver coach” aiuterà l’equipaggio del team ucraino nelle preparazione della vettura, affiancandolo in tutti i weekend.

“Il format che avrà quest’anno la GTSPRINT ci piace molto. – ha dichiarato Amato Ferrari (Team Manager AF Corse) – Rientrare nuovamente a far parte della GTSPRINT INTERNATIONAL SERIES è indubbiamente una certezza dal punto di vista mediatico e della promozione. Sarà bello vedere ancora una volta Monza con gli spalti pieni di appassionati che sosterranno i nostri piloti”.

Banner

From the Last Season


Marc Marquez

Marc Marquez

Moto2

Marc Marquez

ValentinoRossi_Podio

ValentinoRossi_Press_Conference

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: