Archivi Blog

MotoGP 2013: Lorenzo edges Marquez in Silverstone thriller


motogp_info2013_header_0
BannerMotoGP

MotoGP 2013: PRESS RELEASE
Sun, 1 September 2013

Motogp2013-057

Jorge Lorenzo has returned to winning ways in a highly dramatic Hertz British Grand Prix at Silverstone, beating championship leader Marc Marquez by less than one tenth of a second. Dani Pedrosa completed the podium as home favourite Cal Crutchlow struggled to seventh place.

On Saturday, Marquez had clinched his third pole position in five race meetings but further participation was put in doubt when he dislocated his left shoulder by crashing in Sunday morning Warm-Up. After being given the green light in the circuit Medical Centre, the 20-year-old Repsol Honda Team rider headed up the front row from Yamaha Factory Racing’s Lorenzo and Monster Yamaha Tech3’s Crutchlow.

Motogp2013-058

Critically for Lorenzo, the Mallorcan made another strong start and dived into the lead at Copse corner. In a near repeat performance to Brno last weekend, he would proceed to resolutely defend from both Repsol Honda Team riders. Marquez then seized the advantage at Brooklands just over two laps from home, only for Lorenzo to retake the lead as he confidently out-braked his opponent at Vale. On the final lap, Marquez again grabbed the advantage at Brooklands, before Lorenzo re-passed in a confident move at Luffield, which featured slight contract between the two bikes.

Motogp2013-059

The leading duo crossed the finish line separated by just 81 thousandths of a second, meaning Silverstone continues a pattern from Brno of witnessing the closest finish of the season so far. Struggling for rear grip, Pedrosa was a further one and a half seconds behind, having been unable to take advantage of the battling pair in front of him. In fourth spot was Valentino Rossi who, having dropped back after his strong start, had become involved in yet another entertaining battle with GO&FUN Honda Gresini’s Alvaro Bautista, while LCR Honda MotoGP’s Stefan Bradl finished in sixth place.

Motogp2013-060

Having missed his home race in 2011 before starting at the back in 2012, Cal Crutchlow had hoped for a much stronger Silverstone weekend in 2013. He crashed twice on Saturday and again in Sunday’s Warm-Up, then paid the price for a poor getaway as the Tech3 rider plummeted from third to sixth at the start. He would fall back to his eventual finishing position of seventh when the charging Bautista – who had lined up eighth on the grid – overtook at the end of Lap 1.

Crutchlow’s teammate Bradley Smith again found himself dicing with the pair of Ducati Team riders, but was ultimately taken advantage of by Nicky Hayden for eighth place. Smith would end the day ninth, while Andrea Dovizioso crashed out on the penultimate tour. The Italian joined second-lap faller Lukas Pesek (Came IodaRacing Project) on the sidelines, promoting Power Electronics Aspar’s Aleix Espargaro into the top ten despite a broken finger and injured neck after a Saturday crash; he therefore led home the CRT riders as PBM’s Michael Laverty ended his maiden home race in 19th position, ahead of Colombian teammate Yonny Hernandez.

Motogp2013-061

Following the race, it was announced that Marquez has been given two Penalty Points under the new system due to not slowing down under the yellow flags in the morning Warm-Up. This also happened to be the moment that saw him crash at the same turn as Cal Crutchlow. Not to be confused with Championship Points, the penalty system was introduced in 2013, under which Up to 10 penalty points can be imposed, with sanctions applied at certain thresholds. Any rider reaching four penalty points starts the next race from the back of the grid, while seven points lead to a pit lane start and 10 points a race ban.

With the triple-header of Indianapolis, Brno and Silverstone now over, MotoGP™ returns in two weekends’ time with the GP Aperol di San Marino e della Riviera di Rimini from Misano World Circuit Marco Simoncelli. With six events remaining in 2013, debutant Marquez carries an advantage of 30 points over Pedrosa, with Sunday’s winner Lorenzo now trailing the championship leader by 39 points.

MotoGP™ Qualifying Race Classification

1- Jorge Lorenzo (SPA) Yamaha 40:52.515
2- Marc Marquez (SPA) Honda +0.081
3- Dani Pedrosa (SPA) Honda +1.551

1st CRT

10- Aleix Espargaro (SPA) ART +53.196

title_moto2_6

Moto2™ championship leader Scott Redding has won his home Grand Prix at Silverstone. The Marc VDS Racing Team rider, who took the lead off the start line, was assisted in the closing stages as a tight battled raged for second place. Pole-sitter Takaaki Nakagami and Tom Luthi completed the podium.

On Saturday, Japan’s Nakagami had claimed his second pole position within the space of a week, but it was Redding who seized the lead as the red lights went out. Critically for the English rider, much fighting over the remaining rostrum places would prove a decisive element in his first home victory since 2008, when he had claimed a career-first win in the 125 class at Donington Park.

scott_high

A race-long duel between Nakagami (Italtrans Racing Team) and Luthi (Interwetten Paddock Moto2 Racing) featured various changes of position, not least on the last lap when the duo swapped places at Vale and Club corners before battling deep into the Brooklands complex. The Japanese would finish ahead of the Swiss, with Tuenti HP 40’s Tito Rabat and Technomag carXpert’s Dominique Aegerter in close attendance. Redding’s teammate and Brno winner Mika Kallio was sixth.

Sunday was a difficult affair for title contender Pol Espargaro. Following a crash at the start of the Warm-Up session, the Tuenti HP 40 rider started sixth on the grid but lost ground in the early stages of the race – falling to as low as 11th. He fought back up to eighth behind Came IodaRacing Project’s Johann Zarco, but crucially loses a further 17 points in his championship fight with Redding. Six races remain in 2013.

Three riders failed to finish. Argiñano & Gines Racing’s Alberto Moncayo was an early faller, while British wildcard Gino Rea (Gino Rea Montaze Broz Racing, fracturing the fourth metacarpus of his right hand) and Xavier Simeon (Maptaq SAG Zelos Team) crashed across the final pair of laps.

At JiR Moto2, Australian Jason O’Halloran finished 25th as he replaced France’s Mike di Meglio, injured at Brno last weekend, while both Blusens Avintia’s Dani Rivas and Argiñano & Gines Racing’s Steven Odendaal missed the race following a multiple collision at the end of the morning Warm-Up.

Moto2 continues in two weekends’ time, with the GP Aperol di San Marino e della Riviera di Rimini at Misano World Circuit Marco Simoncelli. Scott Redding – who has become the first Briton to win an intermediate class race in his home country since Tom Herron triumphed at the Isle of Man TT in 1976 – will head to Italy with a 38-point championship advantage over Pol Espargaro.

Moto2™ Qualifying Race Classification

1- Scott Redding (GBR) Kalex 38:22.897
2- Takaaki Nakagami (JPN) Kalex +1.066
3- Thomas Luthi (SWI) Suter +1.170

title_moto3_7

Luis Salom has extended his Moto3™ championship lead with a second consecutive victory, beating Alex Rins by just 49 thousandths of a second in the Hertz British Grand Prix at Silverstone. Alex Marquez rounded out the rostrum while pole-sitter Maverick Viñales just failed to establish a new podium finishes record.

Silverstone marked the end of the triple-header, which had first taken the championship to Indianapolis and Brno; with this in mind, many were keen to sign off with victory ahead of a two-week break until the next race.

Motogp2013-062

Salom started as he meant to continue by shooting into the lead from third on the grid. Before the 17 laps were completed, however, the Red Bull KTM Ajo rider would exchange positions on various occasions with Team Calvo’s Viñales and Estrella Galicia 0,0’s Rins, with Rins’ teammate Marquez also very much in the battle. Salom would confirm his sixth win of the season by less than half a tenth of a second, with second-placed Rins having had to defend as well as attack on the final tour.

Marquez’s top three result was his second in three races, while in fourth Viñales finished off the podium for the first time this year; in the process, he just misses out on becoming the first rider in history to claim 11 successive podium finishes from the start of a season in the lower class of the World Championship. The top six was completed by Mahindra Racing’s Miguel Oliveira and Mapfre Aspar Team Moto3’s Jonas Folger, while Britain’s John McPhee (Caretta Technology – RTG) scored two points in his home Grand Prix, finishing 14th.

Four riders failed to see the chequered flag, including La Fonte Tascaracing’s Alessandro Tonucci who was involved in a high-speed Woodcote collision with Aspar’s Eric Granado in the closing stages of the races. The first pair of retirements were CIP Moto3’s Juanfran Guevara and teammate Alan Techer, both out of the race in a first-lap collision at Vale with Racing Steps Foundation KRP’s Wayne Ryan. Zulfahmi Khairuddin, teammate to Salom, recovered to 20th place after being forced to start from the pit lane following technical problems on the grid.

Salom’s championship lead over Viñales is now 26 points, with Rins a further seven behind. Moto3™ continues at the Misano World Circuit Marco Simoncelli, with the GP Aperol di San Marino e della Riviera di Rimini taking place in two weeks’ time.

Moto3™ Qualifying Race Classification

1- Luis Salom (SPA) KTM 38:17.291
2- Alex Rins (SPA) KTM +0.049
3- Alex Marquez (SPA) KTM +0.698

MotoGP: Lorenzo c’è…ma Rossi pure


Il Qatar inaugura la stagione 2013 della MotoGP con una gara nella gara. Yamaha mette subito a segno la prima doppietta dell’anno con Lorenzo sul gradino più alto del podio. Valentino, autore di una rimonta spettacolare lo segue a 6 secondi. Ottimo l’esordio di Marc Marquez che mette le ruote della sua Honda davanti al suo compagno di squadra Dani Pedrosa.

Domenica 7 Aprile 2012 – Commercial Bank Gran Prix of Qatar

Il Qatar apre la stagione 2013 della MotoGP con una gara perfetta per Jorge Lorenzo che agguanta la prima vittoria dell’anno.
La gara notturna regala tantissime emozioni già dai primi giri. Partenza perfetta per il maiorchino che prende immmediatamente la prima posizione per non lasciarla più per il resto della gara.
Buono anche l’avvio di Andrea Dovizioso all’esordio con la Ducati Desmosedici.

Bastano pochi giri per capire che Lorenzo ha decisamente un altro passo; il vantaggio su Pedrosa aumenta giro dopo giro.
Seguono Marquez e Crutchlow. Valentino commette un piccolo errore di valutazione in staccata alla prima curva e finisce lungo perdendo tre posizioni e ritrovandosi dietro Andrea Dovizioso e Stefan Bradl.

Finalmente il Dottore riesce ad infilare il tedesco (che il giro dopo terminerà la sua gara a causa di una caduta) e si butta a capofitto all’inseguimento dei primi quattro. Nel frattempo Lorenzo continua ad incrementare il suo vantaggio sui diretti inseguitori non sbagliando praticamente nulla. Subito dietro, Perdosa, Marquez e Crutchlow girano così vicini da sembrare essere una sola moto.

Ma la gara inizia a prendere una piega diversa: Valentino Rossi trova il ritmo giusto ed inizia a ricongiungersi con il trio che le precede, girando con gli stessi tempi di Lorenzo. Nel giro di poche tornate il dottore è a ridosso di Crutchlow; Rossi mette le sue ruote davanti al pilota inglese e si lancia all’inseguimento del duo Honda che lo precede a poca distanza.
Immediato l’attacco ed il sorpasso anche a Dani Pedrosa (che nel frattempo era stato passato dal compagno di squadra), e dopo qualche curva Valentino è davanti anche a Marquez che gli darà filo da torcere fino all’arrivo.
Una grandissima gara del pilota di Tavullia, che lo porterà sul secondo gradino del podio.

La gara perfetta di Lorenzo, la fantastica rimonta di Rossi, e Marquez davanti a Pedrosa all’esordio in MotoGP, sono gli ingredienti principali del primo appuntamento del 2013.
Valentino torna finalmente a sorridere dopo due anni di insoddisfazioni in casa Ducati, e lo fa veramente in splendida forma dimostrando di essere ancora, nonostante i suoi 34 anni, un osso duro per tutti, e di aver ritrovato il suo smalto che molti davano per perso.
Sul podio e durante la conferenza stampa Valentino sorride, si dice estremamente soddisfatto della sua Yamaha e ammette anche che, se non fosse stato per il piccolo errore in avvio di gara, avrebbe potuto combattere per la vittoria.

Insomma…gli ingredienti per una bella stagione ci sono tutti e se il buongiorno si vede dal mattino…

Official image source:

MotoGP.com

MotoGP: Aragon, Pedrosa c’è



Domenica, 30 settembre 2012
Daniel Pedrosa (Honda Repsol), con una vittoria di forza e carattere, archivia il Gran Premio Iveco di Aragon, riducendo a 33 i punti di svantaggio dal connazionale Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing), secondo sul podio.
Sul terzo gradino l’ottimo Andrea Dovizioso (Yamaha Monster Tech3), che riesce a spuntarla sul compagno di squadra Cal Crutchlow dopo un entusiasmante testa a testa proprio nel finale di gara. Andrea, con la gara di Aragon, porta a sei i podi nel corso della stagione 2012.

Jorge Lorenzo - Yamaha Factory Racing

Andrea Dovizioso - Yamaha Monster Tech3

Al via tutti ci saremmo aspettati la solita partenza “a fionda” di Dani, ma allo start le posizioni rimangono invariate. Il primo errore in gara arriva proprio da Valentino Rossi (Team Ducati), che in fondo al rettilineo va lungo in staccata per evitare Jonathan Rea; per fortuna l’italiano trova una via di fuga, ma al suo rientro in pista si ritrova purtroppo in ultima posizione, costretto ad affrontare un’improbabile rimonta. Ma per la Ducati oggi i problemi non finiscono qui. Dopo qualche giro anche Nicky Hayden va lungo e finisce contro i cartelloni lungo la pista e vola letteralmente fuori dal circuito. Immediatamente portato al centro medico, al pilota americano non viene diagnosticato nessun problema, ma rimarrà a riposo per tutto il resto della gara. Più o meno la stessa sorte tocca al pilota tedesco Stefan Bradl. I primi due viaggiano insieme quando, a 17 giri dal termine, arriva l’attacco di Dani Pedrosa al connazionale. Il sorpasso avviene in staccata con le due moto piegate; il maiorchino, probabilmente in ottica mondiale, non oppone nessuna resistenza.
Dani si impadronisce quindi della prima posizione, che manterrà in tutta tranquillità fino a fine gara, complice anche una brutta imbarcata della Yamaha M1 di Jorge che probabilmente da un forte segnale di usura della gomma posteriore al suo pilota, costringendolo ad essere cauto sulla manopola del gas!
Nel frattempo nelle retrovie, Valentino Rossi è autore di una bella rimonta portando la sua Ducati fino all’ottavo posto. Ormai Dani ha un cospicuo vantaggio su Jorge, e l’attenzione si sposta giustamente sulla lotta per il terzo gradino del podio che vede coinvolti ben tre piloti: Ben Spies (Yamaha Racing Factory), ed i compagni di squadra Cal Crutchlow e Andrea Dovizioso (Yamaha Monster Tech3). Dopo qualche giro di studio, Andrea passa il suo compagno di box e si lancia all’inseguimento del pilota americano, che raggiunge e sorpassa. Dopo qualche curva Ben Spies verrà superato anche da Cal Crutchlow. I due piloti del Team Yamaha Monster Tech3 daranno poi vita ad una splendida bagarre fino all’ultima curva, ma sarà l’italiano a spuntarla riuscendo a salire sul terzo gradino del podio.

Quindi una vittoria di carattere per Daniel Pedrosa, che dimostra il suo momento di splendida forma, e che riduce a 33 le lunghezze di distacco da Jorge Lorenzo, oggi costretto ad ammettere la netta superiorità dell’accoppiata Daniel/Honda HRC. Con questo risultato Dani festeggia nel migliore dei modi il suo 27° compleanno, dimostrando di essere il pilota più in forma del momento.

Io però una cosa me la chiedo ugualmente. Come già detto, ad oggi Daniel Pedrosa è sicuramente il pilota da battere, ma al rientro di Casey Stoner (che molto probabilmente avverrà nel Round di Motegi in Giappone), Dani continuerà a dimostrare quanto fatto fino ad ora? Il canguro australiano, potrebbe aiutare il compagno di squadra “camomillo” (mica tanto in queste ultime gare…) nella conquista del titolo iridato, oppure vorrà lasciare le corse con una grande prova di forza?

Lascio a voi lettori tutto il resto.

FONTE: FANPAGE.IT MotoGP: Aragon, Pedrosa c’è
ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

Fanpage è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n. 57 del 26/07/2011.

MotoGP: Jorge Lorenzo vola nelle qualifiche ufficiali


Jorge Lorenzo - Yamaha Factory Racing

Grande prestazione del leader del mondiale che domani difenderà i suoi 38 punti di vantaggio partendo dalla pole del Gran Premio Iveco de Aragón. Secondo Pedrosa, terzo Crutchlow.

Sabato, 29 settembre 2012
Cielo coperto, nuvoloni e temperature basse. Ecco gli ingredienti che “condiscono” la giornata di prove ufficiali del Gran Premio IVECO al Motorland di Aragon. Le condizioni non promettono nulla di buono ai Top Riders della classe regina decidono di scendere in pista con l’intenzione di realizzare subito il tempo, prima dell’eventuale arrivo della pioggia. Questo vuol dire riuscire a mandare subito in temperatura gli pneumatici con un asfalto dalla temperatura molto bassa, per poter subito azzardare un giro veloce. Purtroppo il primo a fare le spese è il pilota del Team Repsol Honda Daniel Pedrosa, che inaugura le prove ufficiali con una bella scivolata senza conseguenze per lui, ma costretto ad utilizzare la seconda moto. Certo non è un bel modo per festeggiare al meglio il giorno del suo compleanno.
Qualche giro dopo, lo emulano Yonny Hernandez ed anche Valentino Rossi che, come al solito, perde l’anteriore della sua Desmo16; probabilmente la gomma non era ancora entrata in temperatura, ed inoltre il pilota di Tavullia avrebbe affrontato l’ingresso in quella curva con una traiettoria di circa 40cm più larga.
Nulla da dire invece per Jorge Lorenzo. Il numero 99 realizza giri veloci uno dietro l’altro, portandosi a casa l’ennesima Pole Position. Il suo rivale nella lotta al campionato, chiude in ogni caso in seconda posizione a soli 88 millessimi di secondo…e conosciamo bene le partenze che Camomillo è in grado di fare. Sarà sicuramente una lotta all’ultima curva.

Daniel Pedrosa - Team Repsol Honda

A chiudere, in terza posizione, troviamo un Cal Crutchlow (Yamaha Monster Tech3) in forma smagliante. Anche il pilota inglese non sbaglia praticamente nulla, portandosi a casa la terza casella in griglia di partenza. La quarta posizione in griglia verrà invece occupata dall’ americano Ben Spies, anch’egli in grande forma. Seguono nell’ordine Stefan Bradl (Team Honda LCR), e l’altro pilota del Team Yamaha Tech3, Andrea Dovizioso, un pò in ombra nella sessione di qualifiche ufficiali, e probabilmente poco a suo agio su questo circuito. Ottima la prestazione di Jonathan Rea, che anche in questa gara sostituisce l’infortunato Casey Stoner. Il pilota inglese, che porta sulle spalle anche il peso del Mondiale SuperBike, chiude le qualifiche ufficiali con un fantastico sesto posto, precedendo meritatamente le due Ducati ufficiali. Valentino Rossi chiude settimo in griglia ed il compagno di squadra Nicky Haiden lo affiancherà partendo dall’ottava casella.

Cal Crutchlow - Yamaha Monster Tech3

MotoGP Qualifying Practice Classifica 2012
1. Jorge Lorenzo SPA – Yamaha Factory racing Yamaha – 1’49.404
2. Daniel Pedrosa SPA – Repsol Honda Honda – 1’49.492
3. Cal Crutchlow GBR – Yamaha Monster Tech3 Yamaha – 1’49.576

Fantastica la prestazione in Moto2 di Simone Corsi (Came IodaRacing Project), che acciuffa la pole proprio al limite delle prove ufficiali.

Simone Corsi - Came IodaRacing Project

Nella categoria minore sarà Jonas Folger (Mapfre Aspar Team Moto3) a partire dalla prima casella sulla griglia.

Jonas Folger - Mapfre Aspar Team Moto3

FONTE: FANPAGE.IT MotoGP: Jorge Lorenzo vola nelle qualifiche ufficiali
ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

Fanpage è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n. 57 del 26/07/2011.

MotoGP: tutto facile per Lorenzo, Pedrosa out


Gara particolare quella di Misano Adriatico, che anche prima della partenza regala forti emozioni. Daniel Pedrosa che scatta dalla Pole accusa qualche problema tecnico ed è costretto a schierarsi a fine griglia. Allo start è il maiorchino Jorge Lorenzo a prendere la testa della gara, posizione che manterrà “facilmente” fino alla fine dei 27 giri in programma. Il suo diretto antagonista Daniel Pedrosa, dopo poche curve viene toccato da Hector Barbera finendo nella ghiaia della Quercia (una delle curve del circuito) la sua rincorsa al leader della classifica iridata. Dopo qualche giro è anche il turno dell’Inglese Cal Crutchlow, che abbandona la gara per una caduta

Ma non finisce qui. Un telaio leggermente rinnovato e nuovi accorgimenti tecnici, portano la Ducati DesmoSedici ed il suo cavaliere Valentino Rossi sul secondo gradino del podio. Per parecchi giri dopo il via, il pilota di Tavullia è stato tallonato dal Tedesco Stefan Bradl che però ha visto vanificarsi tutti i suoi tentativi di attacco, cedendo la terza piazza al pilota Spagnolo del Team Gresini Alvaro Bautista che nel frattempo si era sbarazzato anche di Andrea Dovizioso;

Dopo questa vittoria Jorge Lorenzo porta a 38 punti il vantaggio sul suo diretto inseguitore Daniel Pedrosa. A sole cinque gare dalla fine del campionato, la lotta al titolo iridato rimane aperta e sicuramente le sorprese non mancheranno.

GP APEROL DI SAN MARINO E RIVERA DI RIMINI
Classifica dopo 27 giri:

1° Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – 42’49.836
2° Valentino Rossi – Ducati Team – 42’54.234 + 4.398
3° Alvaro Bautista – San Carlo Honda Gresini – 42’55.891 + 6.055

Marco Simoncelli sarà sicuramente felice di vedere sul podio del circuito a lui intitolato, il suo idolo ed amico, e la moto con la quale ci ha regalato tantissime emozioni.
Ciao SuperSIC…….

GALLERIA IMMAGINI

Questa presentazione richiede JavaScript.

ARTICOLO E FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

MotoGP: a Misano nella prima giornata di prove libere vince il maltempo


Tredicesima tappa del Motomondiale a Misano Adriatico: La mancanza del SIC si avverte forte nell’aria, ed il meteo non favorevole condiziona le prima giornata di prove libere. La pioggia intermittente, ed il forte vento hanno di fatto reso inutili le due sessioni di prove. I Top Rider della MotoGP hanno girato pochissimo.

 

Venerdì 14 Settembre 2012
E’ stata una di quelle giornate da dimenticare, una di quelle nelle quali saresti voluto rimanere a letto al caldo sotto le coperte, una di quelle giornate praticamente inutili. Siamo nella riviera romagnola, a Misano Adriatico, e questa è l’analisi, ed il risultato finale, della prima giornata di prove libere della tredicesima tappa della MotoGP.
Al Misano World Circuit Marco Simoncelli pioggia e vento, veri protagonisti dell’intera giornata, hanno di fatto reso inutile le due sessioni di prove libere, durante le quali i Top Rider della MotoGP sono rimasti quasi tutti nei box. Solamente alcuni rappresentanti della categoria maggiore sono scesi in pista, più che altro per avere un primo contatto con la pista, lasciando il viscido asfalto ai piloti di Moto2 e Moto3, che hanno dato vita a due interessanti e combattute sessioni di prove.

Durante la prima sessione di prove della mattina, un timido Valentino Rossi si affaccia sulla pista di Misano, percorrendo pochissimi giri per poi rientrare ai box. Anche il suo compagno di squadra Nicky Hayden, reduce dall’incidente di Indianapolis, ha percorso pochi chilometri per poi rientrare; insieme a loro fanno capolino anche Ben Spies del Team Yamaha Racing Factory, e Karel Abraham con la sua Ducati del Team Cardion AB Motoracing.
Nella seconda sessione del pomeriggio, anche Stefan Bradl (Team LCR Honda), Alvaro Bautista (Team Gresini Honda) e Jonathan Rea (che sostituisce l’infortunato Casey Stoner), fanno la loro apparizione,seppur per pochissime tornate, sul circuito di Misano. I due contendenti al titolo mondiale (Jorge Lorenzo e Daniel Pedrosa) non sono scesi in pista in nessuna della due sessioni di prove.

In ogni caso, gli spettatori paganti hanno senza dubbio potuto apprezzare la “bagarre” tra i piloti delle due categorie inferiori.
Al momento le previsioni meteo fanno ben sperare per la giornata di domani, e sicuramente avremo modo di assistere a duelli molto interessanti.

ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

Un sorpasso da “straccio” di licenza


Così è stato definito dai commentatori di Sport Mediaset il sorpasso di Valentino Rossi ai danni di Jorge Lorenzo nel GP dai Catalunya del 2009…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: