Archivi Blog

MotoGP 2014: Marquez leads on opening day of Sepang test


header

2014 MotoGP™ Official Press Release

World Champion Marc Marquez topped the timesheets as this week’s Sepang Official MotoGP™ Test began today. The Repsol Honda Team rider led the way from Yamaha Factory Racing’s Valentino Rossi and Honda team-mate Dani Pedrosa, with leading Open rider Aleix Espargaro seventh for NGM Mobile Forward.

marc_high

valentino_high

Following the usual break for lunch in the middle of the day, the final of the eight hours saw track temperatures drop which allowed riders to push for quicker lap times. This duly saw Marquez post 2’00.286, half a second up on Rossi as both the Italian and Marquez’s team-mate Dani Pedrosa jumped ahead of Jorge Lorenzo’s Yamaha in the final minutes of the day. The top six was completed by GO&FUN Honda Gresini’s Alvaro Bautista and LCR Honda MotoGP’s Stefan Bradl.

stefan_high

At Repsol Honda, this year’s RC213V features a larger air intake in an attempt to increase top speeds and improve throttle response on the exit of corners, with Marquez posting the leading effort fresh from historically claiming the title in Valencia last year. In the Yamaha garage, Rossi continued to develop his working relationship with new Crew Chief Silvano Galbusera, who first worked alongside the nine-time World Champion for the post-race test after the final Grand Prix of 2013.

Much attention was on Ducati Team, with talk continuing to circulate that the outfit could elect to race under the new Open regulations this year; this would allow up to 24 litres of fuel as opposed to the 20 of the Factory Options, as well as working on engines during the season and not being limited by the new engine freeze. Also this season, all bikes in the field are running the spec ECU hardware for the first time; however Factory Options are free to use their own software, whereas Opens must adapt the spec software as supplied by Dorna Sports and Magneti Marelli.

The leading Open representative on this occasion was Forward’s Aleix Espargaro (seventh position), with Factory Option riders Andrea Iannone (Pramac Racing), Pol Espargaro and Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3 team-mates) helping to complete the top ten. Colin Edwards (Forward) overcame early technical difficulties to finish 11th quickest, as Ducati Team filled spots 12 to 14 with Andrea Dovizioso, test rider Michele Pirro and Cal Crutchlow. The leading Honda RCV1000R customer bike was that of 2006 title winner Nicky Hayden (Drive M7 Aspar) in 17th place.

cal_high

At Paul Bird Motorsport, Michael Laverty (25th position) suffered a frustrating start to proceedings, plagued first by brake problems and then by an engine failure. All teams were present with the exception of IodaRacing, which plans to make its 2014 track debut at the second Sepang test which is to run at the end of the month.

Testing continues at the Sepang International Circuit over the next two days, again running between 10am and 6pm local time (GMT +8).

Annunci

MotoGP: Aragon, Pedrosa c’è



Domenica, 30 settembre 2012
Daniel Pedrosa (Honda Repsol), con una vittoria di forza e carattere, archivia il Gran Premio Iveco di Aragon, riducendo a 33 i punti di svantaggio dal connazionale Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing), secondo sul podio.
Sul terzo gradino l’ottimo Andrea Dovizioso (Yamaha Monster Tech3), che riesce a spuntarla sul compagno di squadra Cal Crutchlow dopo un entusiasmante testa a testa proprio nel finale di gara. Andrea, con la gara di Aragon, porta a sei i podi nel corso della stagione 2012.

Jorge Lorenzo - Yamaha Factory Racing

Andrea Dovizioso - Yamaha Monster Tech3

Al via tutti ci saremmo aspettati la solita partenza “a fionda” di Dani, ma allo start le posizioni rimangono invariate. Il primo errore in gara arriva proprio da Valentino Rossi (Team Ducati), che in fondo al rettilineo va lungo in staccata per evitare Jonathan Rea; per fortuna l’italiano trova una via di fuga, ma al suo rientro in pista si ritrova purtroppo in ultima posizione, costretto ad affrontare un’improbabile rimonta. Ma per la Ducati oggi i problemi non finiscono qui. Dopo qualche giro anche Nicky Hayden va lungo e finisce contro i cartelloni lungo la pista e vola letteralmente fuori dal circuito. Immediatamente portato al centro medico, al pilota americano non viene diagnosticato nessun problema, ma rimarrà a riposo per tutto il resto della gara. Più o meno la stessa sorte tocca al pilota tedesco Stefan Bradl. I primi due viaggiano insieme quando, a 17 giri dal termine, arriva l’attacco di Dani Pedrosa al connazionale. Il sorpasso avviene in staccata con le due moto piegate; il maiorchino, probabilmente in ottica mondiale, non oppone nessuna resistenza.
Dani si impadronisce quindi della prima posizione, che manterrà in tutta tranquillità fino a fine gara, complice anche una brutta imbarcata della Yamaha M1 di Jorge che probabilmente da un forte segnale di usura della gomma posteriore al suo pilota, costringendolo ad essere cauto sulla manopola del gas!
Nel frattempo nelle retrovie, Valentino Rossi è autore di una bella rimonta portando la sua Ducati fino all’ottavo posto. Ormai Dani ha un cospicuo vantaggio su Jorge, e l’attenzione si sposta giustamente sulla lotta per il terzo gradino del podio che vede coinvolti ben tre piloti: Ben Spies (Yamaha Racing Factory), ed i compagni di squadra Cal Crutchlow e Andrea Dovizioso (Yamaha Monster Tech3). Dopo qualche giro di studio, Andrea passa il suo compagno di box e si lancia all’inseguimento del pilota americano, che raggiunge e sorpassa. Dopo qualche curva Ben Spies verrà superato anche da Cal Crutchlow. I due piloti del Team Yamaha Monster Tech3 daranno poi vita ad una splendida bagarre fino all’ultima curva, ma sarà l’italiano a spuntarla riuscendo a salire sul terzo gradino del podio.

Quindi una vittoria di carattere per Daniel Pedrosa, che dimostra il suo momento di splendida forma, e che riduce a 33 le lunghezze di distacco da Jorge Lorenzo, oggi costretto ad ammettere la netta superiorità dell’accoppiata Daniel/Honda HRC. Con questo risultato Dani festeggia nel migliore dei modi il suo 27° compleanno, dimostrando di essere il pilota più in forma del momento.

Io però una cosa me la chiedo ugualmente. Come già detto, ad oggi Daniel Pedrosa è sicuramente il pilota da battere, ma al rientro di Casey Stoner (che molto probabilmente avverrà nel Round di Motegi in Giappone), Dani continuerà a dimostrare quanto fatto fino ad ora? Il canguro australiano, potrebbe aiutare il compagno di squadra “camomillo” (mica tanto in queste ultime gare…) nella conquista del titolo iridato, oppure vorrà lasciare le corse con una grande prova di forza?

Lascio a voi lettori tutto il resto.

FONTE: FANPAGE.IT MotoGP: Aragon, Pedrosa c’è
ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

Fanpage è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n. 57 del 26/07/2011.

MotoGP: Jorge Lorenzo vola nelle qualifiche ufficiali


Jorge Lorenzo - Yamaha Factory Racing

Grande prestazione del leader del mondiale che domani difenderà i suoi 38 punti di vantaggio partendo dalla pole del Gran Premio Iveco de Aragón. Secondo Pedrosa, terzo Crutchlow.

Sabato, 29 settembre 2012
Cielo coperto, nuvoloni e temperature basse. Ecco gli ingredienti che “condiscono” la giornata di prove ufficiali del Gran Premio IVECO al Motorland di Aragon. Le condizioni non promettono nulla di buono ai Top Riders della classe regina decidono di scendere in pista con l’intenzione di realizzare subito il tempo, prima dell’eventuale arrivo della pioggia. Questo vuol dire riuscire a mandare subito in temperatura gli pneumatici con un asfalto dalla temperatura molto bassa, per poter subito azzardare un giro veloce. Purtroppo il primo a fare le spese è il pilota del Team Repsol Honda Daniel Pedrosa, che inaugura le prove ufficiali con una bella scivolata senza conseguenze per lui, ma costretto ad utilizzare la seconda moto. Certo non è un bel modo per festeggiare al meglio il giorno del suo compleanno.
Qualche giro dopo, lo emulano Yonny Hernandez ed anche Valentino Rossi che, come al solito, perde l’anteriore della sua Desmo16; probabilmente la gomma non era ancora entrata in temperatura, ed inoltre il pilota di Tavullia avrebbe affrontato l’ingresso in quella curva con una traiettoria di circa 40cm più larga.
Nulla da dire invece per Jorge Lorenzo. Il numero 99 realizza giri veloci uno dietro l’altro, portandosi a casa l’ennesima Pole Position. Il suo rivale nella lotta al campionato, chiude in ogni caso in seconda posizione a soli 88 millessimi di secondo…e conosciamo bene le partenze che Camomillo è in grado di fare. Sarà sicuramente una lotta all’ultima curva.

Daniel Pedrosa - Team Repsol Honda

A chiudere, in terza posizione, troviamo un Cal Crutchlow (Yamaha Monster Tech3) in forma smagliante. Anche il pilota inglese non sbaglia praticamente nulla, portandosi a casa la terza casella in griglia di partenza. La quarta posizione in griglia verrà invece occupata dall’ americano Ben Spies, anch’egli in grande forma. Seguono nell’ordine Stefan Bradl (Team Honda LCR), e l’altro pilota del Team Yamaha Tech3, Andrea Dovizioso, un pò in ombra nella sessione di qualifiche ufficiali, e probabilmente poco a suo agio su questo circuito. Ottima la prestazione di Jonathan Rea, che anche in questa gara sostituisce l’infortunato Casey Stoner. Il pilota inglese, che porta sulle spalle anche il peso del Mondiale SuperBike, chiude le qualifiche ufficiali con un fantastico sesto posto, precedendo meritatamente le due Ducati ufficiali. Valentino Rossi chiude settimo in griglia ed il compagno di squadra Nicky Haiden lo affiancherà partendo dall’ottava casella.

Cal Crutchlow - Yamaha Monster Tech3

MotoGP Qualifying Practice Classifica 2012
1. Jorge Lorenzo SPA – Yamaha Factory racing Yamaha – 1’49.404
2. Daniel Pedrosa SPA – Repsol Honda Honda – 1’49.492
3. Cal Crutchlow GBR – Yamaha Monster Tech3 Yamaha – 1’49.576

Fantastica la prestazione in Moto2 di Simone Corsi (Came IodaRacing Project), che acciuffa la pole proprio al limite delle prove ufficiali.

Simone Corsi - Came IodaRacing Project

Nella categoria minore sarà Jonas Folger (Mapfre Aspar Team Moto3) a partire dalla prima casella sulla griglia.

Jonas Folger - Mapfre Aspar Team Moto3

FONTE: FANPAGE.IT MotoGP: Jorge Lorenzo vola nelle qualifiche ufficiali
ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

Fanpage è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n. 57 del 26/07/2011.

MotoGP: a Misano nella prima giornata di prove libere vince il maltempo


Tredicesima tappa del Motomondiale a Misano Adriatico: La mancanza del SIC si avverte forte nell’aria, ed il meteo non favorevole condiziona le prima giornata di prove libere. La pioggia intermittente, ed il forte vento hanno di fatto reso inutili le due sessioni di prove. I Top Rider della MotoGP hanno girato pochissimo.

 

Venerdì 14 Settembre 2012
E’ stata una di quelle giornate da dimenticare, una di quelle nelle quali saresti voluto rimanere a letto al caldo sotto le coperte, una di quelle giornate praticamente inutili. Siamo nella riviera romagnola, a Misano Adriatico, e questa è l’analisi, ed il risultato finale, della prima giornata di prove libere della tredicesima tappa della MotoGP.
Al Misano World Circuit Marco Simoncelli pioggia e vento, veri protagonisti dell’intera giornata, hanno di fatto reso inutile le due sessioni di prove libere, durante le quali i Top Rider della MotoGP sono rimasti quasi tutti nei box. Solamente alcuni rappresentanti della categoria maggiore sono scesi in pista, più che altro per avere un primo contatto con la pista, lasciando il viscido asfalto ai piloti di Moto2 e Moto3, che hanno dato vita a due interessanti e combattute sessioni di prove.

Durante la prima sessione di prove della mattina, un timido Valentino Rossi si affaccia sulla pista di Misano, percorrendo pochissimi giri per poi rientrare ai box. Anche il suo compagno di squadra Nicky Hayden, reduce dall’incidente di Indianapolis, ha percorso pochi chilometri per poi rientrare; insieme a loro fanno capolino anche Ben Spies del Team Yamaha Racing Factory, e Karel Abraham con la sua Ducati del Team Cardion AB Motoracing.
Nella seconda sessione del pomeriggio, anche Stefan Bradl (Team LCR Honda), Alvaro Bautista (Team Gresini Honda) e Jonathan Rea (che sostituisce l’infortunato Casey Stoner), fanno la loro apparizione,seppur per pochissime tornate, sul circuito di Misano. I due contendenti al titolo mondiale (Jorge Lorenzo e Daniel Pedrosa) non sono scesi in pista in nessuna della due sessioni di prove.

In ogni caso, gli spettatori paganti hanno senza dubbio potuto apprezzare la “bagarre” tra i piloti delle due categorie inferiori.
Al momento le previsioni meteo fanno ben sperare per la giornata di domani, e sicuramente avremo modo di assistere a duelli molto interessanti.

ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: