Archivi Blog

GIANNI MORBIDELLI PARLA “DA CAMPIONE”: IL VINCITORE DELLA SUPERSTARS INTERNATIONAL SERIES 2013 RACCONTA LE SUE SENSAZIONI DOPO AVERE CONQUISTATO IL TITOLO A VALLELUNGA


Banner

IL PESARESE DELLA AUDI È STATO PROTAGONISTA DI UNA STAGIONE DIFFICILE MA ALLA FINE TRIONFALE

Roma, 16 ottobre 2013

Sei vittorie, una pole, due secondi ed altrettanti terzi posti. L’ultimo di questi messo a segno a Vallelunga, dove si è definitivamente laureato campione della INTERNATIONAL SERIES 2013. Quello conquistato sul circuito romano da Gianni Morbidelli, è stato il suo quinto titolo della SUPERSTARS. Il pesarese della Audi, attualmente secondo nella classifica della serie tricolore, a soli quattro punti dal leader Vitantonio Liuzzi (Mercedes), una volta di più si è confermato protagonista assoluto nel campionato riservato alle potenti V8. A Franciacorta, tra meno di due settimane, il 26 e 27 ottobre, l’ultimo atto di un’annata emozionante.

Ma intanto, proprio con Morbidelli, abbiamo provato a “visionare” velocemente il film di questa stagione…

“Il 2013 per noi era partito in salita. A Brno e allo Slovakia Ring ho dovuto incassare due ritiri. Questo ha permesso ai miei diretti rivali della “Mercedes” di guadagnare punti importanti e prendere nei miei confronti un buon vantaggio in campionato. Sicuramente si è trattato del momento più duro per la squadra Audi, ma ci siamo motivati a vicenda facendo anche forza sulle grandi potenzialità della vettura. Così sono arrivate una vittoria dopo l’altra, fino a giungere al penultimo appuntamento di Imola, dove io e Thomas Biagi ci presentavamo a pari punti. In Emilia siamo stati protagonisti di uno dei duelli più esaltanti di tutto l’anno e alla fine sono riuscito a spuntarla. Giungere all’ultimo appuntamento di Vallelunga con un divario di 33 lunghezze a mio favore, mi ha permesso di amministrare il terzo posto di Gara 1, che alla fine &e grave; stato sufficiente a consegnarmi il titolo con una gara d’anticipo”.

Quali sono state, in quel momento le tue sensazioni?

“È stato davvero emozionante, davanti ad un pubblico talmente numeroso, festeggiare una vittoria così prestigiosa come quella della serie internazionale. Ci tengo a sottolineare che questo risultato è frutto del lavoro di tutta la squadra, in cui ogni cosa ha funzionato sempre alla perfezione, anche grazie al forte legame di amicizia che ci unisce! Penso che ciò abbia rappresentato una marcia in più per tutti noi…”.

A Franciacorta potesti anche mettere a segno il titolo italiano SUPERSTARS. Sarebbe la tua stagione perfetta…

“Il titolo tricolore rappresenterebbe la famosa “ciliegina sulla torta”. Ci proveremo, ma l’importante in questa occasione sarà divertirmi”.

Cosa vorrà fare Gianni Morbielli dopo aver vinto il titolo?

“Paradossalmente questo è il momento più difficile, perché a riflettori spenti si deve lavorare molto per la stagione successiva. Ancora non so dove mi porterà il 2014. Ci sono diverse opzioni che sto valutando minuziosamente. Per il momento ho deciso di concedermi un bel po’ di sano golf, sport che pratico da diverso tempo e che mi aiuta molto in termini di concentrazione anche quando indosso la tuta ed il casco. Poi si vedrà…”.

MEDIA GALLERY

B10I9832

B10I9856

BO4I0006

BO4I9567

Logo2013

Annunci

SUPERSTARS INTERNATIONAL SERIES: JOHAN KRISTOFFERSSON CON LA PANAMERA DEL TEAM PETRI CORSE PER LA STAGIONE 2013


IL CAMPIONE IN CARICA DELLA SERIE TARGATA SWR, PROTAGONISTA NEI TEST UFFICIALI DI MONZA DOVE HA PROVATO PER LA PRIMA VOLTA LA PORSCHE CON CUI DOVRÀ DIFENDERE IL TITOLO

Monza, 27 Marzo 2013

In occasione dei test ufficiali della SUPERSTARS INTERNATIONAL SERIES, di scena quest’oggi sul circuito di Monza, è stata annunciata un’importante novità: Johan Kristoffersson correrà sotto i colori del team Petri Corse per la stagione 2013.

Lo “svedese dallo sguardo di ghiaccio”, che nel 2012 aveva messo tutti dietro sia nella serie internazionale che in quella italiana, difenderà quest’anno il titolo al volante della Porsche Panamera S, vettura completamente riassemblata dalla compagine che fa capo a Simone Petri, che a sua volta schiererà anche due Porsche 997 nella GTSPRINT INTERNATIONAL SERIES.

johan-kristofferssonjpg_resize

La berlina tedesca tornerà quindi in pista dopo aver impressionato tutti nel 2010, anno in cui con Fabrizio Giovanardi era salita per ben quattro volte sul gradino più alto del podio. Al fianco di Kristoffersson ci sarà Massimiliano Fantini, anche lui presente nei test ufficiali al volante della seconda Panamera, con cui ha percorso una serie di tornate, nell’ottica di affinare la vettura per la prima gara di Monza in programma il prossimo 7 aprile.

“Ho mantenuto la promessa! Al volante della Panamera ho portato un vero campione – ha dichiarato Simone Petri, team manager del Petri Corse – Stiamo lavorando tantissimo per rendere la vettura competitiva. Monza è il nostro secondo test dopo quello di Cremona, dove abbiamo rivolto principalmente la nostra attenzione sull’assetto della vettura. Adesso dobbiamo concentrarci sul motore, anche se le caratteristiche delle nostre Porsche sposano maggiormente i circuiti guidati. A Monza non avremo vita facile”.

Dopo i primi giri abbiamo chiesto a Kristoffersson le sue impressioni sulla Panamera.

“Per me si tratta indubbiamente di una nuova sfida. Mi è piaciuto subito il modo di lavorare del team, molto professionale e con le idee ben chiare. Qui a Monza è stata la prima volta che ho potuto provare la Panamera, nei giorni scorsi avevamo esclusivamente predisposto il sedile e la pedaliera. Sicuramente non posso sbilanciarmi in un giudizio dopo pochi giri, ma penso che anche quest’anno potrò divertirmi. Ora siamo concentrati nel cercare di essere al massimo per la prima gara che è davvero vicina. Farò il possibile per difendere il titolo”.

Banner

Max Biaggi saluta il mondo delle corse


Autodromo di Vallelunga: Roma 7 Novembre 2012

L’annuncio in conferenza stampa a Vallelunga: «E’ giusto lasciare spazio ai giovani, adesso voglio pensare alla mia famiglia»

Queste sono le parole del neo campione del mondo della categoria Superbike, con le quali Max Biaggi annuncia il suo ritiro dalle corse.
Il sentore c’era già stato leggendo alcuni sui Tweet sul famoso social network, ma oggi è arrivata la notizia ufficiale.
Max è stato ed è tuttora un pilota simbolo delle due ruote che lascerà un gran vuoto nel cuore di tutti i suoi tifosi. Max ha rinunciato alla firma del rinnovo del contratto con Aprilia, molto simile a quello dello scorso anno, anche a livello economico. Dalle sue parole si legge la voglia di affiancare la sua compagna ed i suoi due bimbi, ai quali dice di aver dedicato troppo poco tempo. Del resto come non biasimarlo.

Il Corsaro salirà per l’ultima volta in sella ad una moto da corsa a Latina in occasione di una gara di Supermoto, organizzata in onore di Marco Simoncelli, che fu anche suo compagno di squadra in sella all’Aprilia per una sola gara nel mondiale SBK ad Imola.
Max nasce a Roma il 26 giugno 1971, la sua carriera sportiva è lunga e ricca di successi: 4 titoli nella categoria 250 di cui tre con l’Aprilia ed uno con la Honda; successivamente inizia la sua carriera nelle classi regine 500 e MotoGP, dove avrà un percorso non facile. Tutti ricorderanno, e aggiungo, che ci piace ricordare, tutte le lotte con Valentino Rossi, suo acerrimo rivale di sempre. E finalmente si apre la parentesi del Mondiale Superbike, che vede Max in sella a Suzuki, Ducati e Aprilia. Sarà quest’ultima a regalargli le più grandi soddisfazioni in questa categoria, regalando al pilota romano il titolo iridato nel 2010 e nel 2012.

Oggi, dopo 6 titolo mondiali sulle spalle, un totale di 370 gare, 63 vittorie e 181 podi, arriva l’addio del corsaro.
L’aver conquistato il titolo 2012 nella categoria Superbike è sicuramente il miglior modo per salutare il mondo delle corse.

Ciao campione, in bocca al lupo per tutto

Galleria Immagini

Questo slideshow richiede JavaScript.

Copyright 2012©FeliceMonteleone

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: