Archivi Blog

MotoGP: I test in Malesia danno il via alla stagione 2013


“La moto è migliorata, Lorenzo e il suo team hanno fatto un bel lavoro. La 1000cc è più veloce ma è anche più facile da guidare e questo grazie ad un bel passo in avanti a livello di elettronica. Puoi farci quello che vuoi, più o meno”. Queste la parole di Valentino Rossi dopo il primo vero test alla guida della sua nuova Yamaha M1.

05 Febbraio 2013: Sepang (Malesia)
Oggi, con la prima sessione di test, si apre ufficialmente a Sepang la stagione 2013 della MotoGP.
Quest’anno la Spagna presenta tre favoriti alla lotta al titolo iridato: l’attuale campione del mondo in carica Jorge Lorenzo su Yamaha Factory Racing, Dani Pedrosa su Honda Repsol ,e la new entry Marc Marquez attuale campione del mondo della categoria Moto2, ai quali si aggiunge sicuramente Valentino Rossi al suo ritorno in casa Yamaha al fianco del pilota majorchino.

La sessione di test non poteva iniziare in un modo migliore, e sono proprio i quattro piloti appena nominati che, sull’asfalto del Sepang International Circuit, si danno battaglia a ritmo di giri veloci. Bastano pochi giri ed ecco tornare il pilota di Tavullia al primo posto della classifica provvisoria, del resto il feeling con la M1 non lo ha mai perso. Dani e Jorge seguono a brevissima distanza; a fine giornata sarà Dani Pedrosa a fa segnare le prestazione migliore, seguito da Lorenzo, Marquez e Rossi. Il distacco tra i primi quattro è inferiore al mezzo secondo.
Siamo ancora alla prima giornata di test, ed altre ne seguiranno, ma questi primi e pochi dati potrebbero essere sufficienti a dare una prospettiva abbastanza chiara su chi sarà in lotta per il titolo mondiale 2013.

Valentino Rossi durante la prima intervista ufficiale post sessione, ha dichiarato con il sorriso sulle labbra “Questa è la mia moto“. Il pilota di Tavullia ha immediatamente trovato il giusto feeling con la M1 girando subito su tempi molto veloci. Valentino ringrazia anche il suo ritrovato compagno di squadra, dandogli il merito di aver contribuito alla realizzazione di una moto ancor migliore di quella che il dottore lasciò nel 2010 per abbracciare l’esperienza poco fruttuosa in Ducati.

Anche il campione del mondo Jorge Lorenzo si dimostra soddisfatto della sua M1, elogiando le doti del nuovo telaio elencandone vantaggi e svantaggi, ma rimanendo ancora dubbioso sul problema principale della Yamaha: la moto continua a muoversi molto in accelerazione

Desmosedici che lasci, Desmosedici che trovi?
E’ brutto anticipare le conclusioni, soprattutto alla fine della prima sessione di test, ma guardando in casa Ducati, mi sembra di vedere un film già visto più di una volta. La casa di Borgo Panigale, da poco passata sotto la dirigenza Audi, ha chiuso la prima giornata con Nicky Hayden e Andrea Dovizioso, rispettivamente con il 10° e 13° tempo fermando il cronometro a più di 2″ dalla vetta della classifica. E’ chiaro che la base della moto è quella dello scorso anno, ma è sicuramente da qui che bisogna ripartire per capire le problematiche di questa “rossa” nel tentativo di renderla più competitiva.

Tra qualche ora i campioni della MotoGP scenderanno nuovamente in pista a Sepang per la seconda sessione di prove ufficiali in vista della prima gara che si terrà Domenica 7 Aprile sul circuito di Losail in Quatar

Si ringrazia la DORNA SL per la gentile concessione ed utilizzo delle immagini

Annunci

Max Biaggi saluta il mondo delle corse


Autodromo di Vallelunga: Roma 7 Novembre 2012

L’annuncio in conferenza stampa a Vallelunga: «E’ giusto lasciare spazio ai giovani, adesso voglio pensare alla mia famiglia»

Queste sono le parole del neo campione del mondo della categoria Superbike, con le quali Max Biaggi annuncia il suo ritiro dalle corse.
Il sentore c’era già stato leggendo alcuni sui Tweet sul famoso social network, ma oggi è arrivata la notizia ufficiale.
Max è stato ed è tuttora un pilota simbolo delle due ruote che lascerà un gran vuoto nel cuore di tutti i suoi tifosi. Max ha rinunciato alla firma del rinnovo del contratto con Aprilia, molto simile a quello dello scorso anno, anche a livello economico. Dalle sue parole si legge la voglia di affiancare la sua compagna ed i suoi due bimbi, ai quali dice di aver dedicato troppo poco tempo. Del resto come non biasimarlo.

Il Corsaro salirà per l’ultima volta in sella ad una moto da corsa a Latina in occasione di una gara di Supermoto, organizzata in onore di Marco Simoncelli, che fu anche suo compagno di squadra in sella all’Aprilia per una sola gara nel mondiale SBK ad Imola.
Max nasce a Roma il 26 giugno 1971, la sua carriera sportiva è lunga e ricca di successi: 4 titoli nella categoria 250 di cui tre con l’Aprilia ed uno con la Honda; successivamente inizia la sua carriera nelle classi regine 500 e MotoGP, dove avrà un percorso non facile. Tutti ricorderanno, e aggiungo, che ci piace ricordare, tutte le lotte con Valentino Rossi, suo acerrimo rivale di sempre. E finalmente si apre la parentesi del Mondiale Superbike, che vede Max in sella a Suzuki, Ducati e Aprilia. Sarà quest’ultima a regalargli le più grandi soddisfazioni in questa categoria, regalando al pilota romano il titolo iridato nel 2010 e nel 2012.

Oggi, dopo 6 titolo mondiali sulle spalle, un totale di 370 gare, 63 vittorie e 181 podi, arriva l’addio del corsaro.
L’aver conquistato il titolo 2012 nella categoria Superbike è sicuramente il miglior modo per salutare il mondo delle corse.

Ciao campione, in bocca al lupo per tutto

Galleria Immagini

Questo slideshow richiede JavaScript.

Copyright 2012©FeliceMonteleone

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: