Archivi Blog

MotoGP: Aragon, Pedrosa c’è



Domenica, 30 settembre 2012
Daniel Pedrosa (Honda Repsol), con una vittoria di forza e carattere, archivia il Gran Premio Iveco di Aragon, riducendo a 33 i punti di svantaggio dal connazionale Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing), secondo sul podio.
Sul terzo gradino l’ottimo Andrea Dovizioso (Yamaha Monster Tech3), che riesce a spuntarla sul compagno di squadra Cal Crutchlow dopo un entusiasmante testa a testa proprio nel finale di gara. Andrea, con la gara di Aragon, porta a sei i podi nel corso della stagione 2012.

Jorge Lorenzo - Yamaha Factory Racing

Andrea Dovizioso - Yamaha Monster Tech3

Al via tutti ci saremmo aspettati la solita partenza “a fionda” di Dani, ma allo start le posizioni rimangono invariate. Il primo errore in gara arriva proprio da Valentino Rossi (Team Ducati), che in fondo al rettilineo va lungo in staccata per evitare Jonathan Rea; per fortuna l’italiano trova una via di fuga, ma al suo rientro in pista si ritrova purtroppo in ultima posizione, costretto ad affrontare un’improbabile rimonta. Ma per la Ducati oggi i problemi non finiscono qui. Dopo qualche giro anche Nicky Hayden va lungo e finisce contro i cartelloni lungo la pista e vola letteralmente fuori dal circuito. Immediatamente portato al centro medico, al pilota americano non viene diagnosticato nessun problema, ma rimarrà a riposo per tutto il resto della gara. Più o meno la stessa sorte tocca al pilota tedesco Stefan Bradl. I primi due viaggiano insieme quando, a 17 giri dal termine, arriva l’attacco di Dani Pedrosa al connazionale. Il sorpasso avviene in staccata con le due moto piegate; il maiorchino, probabilmente in ottica mondiale, non oppone nessuna resistenza.
Dani si impadronisce quindi della prima posizione, che manterrà in tutta tranquillità fino a fine gara, complice anche una brutta imbarcata della Yamaha M1 di Jorge che probabilmente da un forte segnale di usura della gomma posteriore al suo pilota, costringendolo ad essere cauto sulla manopola del gas!
Nel frattempo nelle retrovie, Valentino Rossi è autore di una bella rimonta portando la sua Ducati fino all’ottavo posto. Ormai Dani ha un cospicuo vantaggio su Jorge, e l’attenzione si sposta giustamente sulla lotta per il terzo gradino del podio che vede coinvolti ben tre piloti: Ben Spies (Yamaha Racing Factory), ed i compagni di squadra Cal Crutchlow e Andrea Dovizioso (Yamaha Monster Tech3). Dopo qualche giro di studio, Andrea passa il suo compagno di box e si lancia all’inseguimento del pilota americano, che raggiunge e sorpassa. Dopo qualche curva Ben Spies verrà superato anche da Cal Crutchlow. I due piloti del Team Yamaha Monster Tech3 daranno poi vita ad una splendida bagarre fino all’ultima curva, ma sarà l’italiano a spuntarla riuscendo a salire sul terzo gradino del podio.

Quindi una vittoria di carattere per Daniel Pedrosa, che dimostra il suo momento di splendida forma, e che riduce a 33 le lunghezze di distacco da Jorge Lorenzo, oggi costretto ad ammettere la netta superiorità dell’accoppiata Daniel/Honda HRC. Con questo risultato Dani festeggia nel migliore dei modi il suo 27° compleanno, dimostrando di essere il pilota più in forma del momento.

Io però una cosa me la chiedo ugualmente. Come già detto, ad oggi Daniel Pedrosa è sicuramente il pilota da battere, ma al rientro di Casey Stoner (che molto probabilmente avverrà nel Round di Motegi in Giappone), Dani continuerà a dimostrare quanto fatto fino ad ora? Il canguro australiano, potrebbe aiutare il compagno di squadra “camomillo” (mica tanto in queste ultime gare…) nella conquista del titolo iridato, oppure vorrà lasciare le corse con una grande prova di forza?

Lascio a voi lettori tutto il resto.

FONTE: FANPAGE.IT MotoGP: Aragon, Pedrosa c’è
ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

Fanpage è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n. 57 del 26/07/2011.

Annunci

MotoGP: Jorge Lorenzo vola nelle qualifiche ufficiali


Jorge Lorenzo - Yamaha Factory Racing

Grande prestazione del leader del mondiale che domani difenderà i suoi 38 punti di vantaggio partendo dalla pole del Gran Premio Iveco de Aragón. Secondo Pedrosa, terzo Crutchlow.

Sabato, 29 settembre 2012
Cielo coperto, nuvoloni e temperature basse. Ecco gli ingredienti che “condiscono” la giornata di prove ufficiali del Gran Premio IVECO al Motorland di Aragon. Le condizioni non promettono nulla di buono ai Top Riders della classe regina decidono di scendere in pista con l’intenzione di realizzare subito il tempo, prima dell’eventuale arrivo della pioggia. Questo vuol dire riuscire a mandare subito in temperatura gli pneumatici con un asfalto dalla temperatura molto bassa, per poter subito azzardare un giro veloce. Purtroppo il primo a fare le spese è il pilota del Team Repsol Honda Daniel Pedrosa, che inaugura le prove ufficiali con una bella scivolata senza conseguenze per lui, ma costretto ad utilizzare la seconda moto. Certo non è un bel modo per festeggiare al meglio il giorno del suo compleanno.
Qualche giro dopo, lo emulano Yonny Hernandez ed anche Valentino Rossi che, come al solito, perde l’anteriore della sua Desmo16; probabilmente la gomma non era ancora entrata in temperatura, ed inoltre il pilota di Tavullia avrebbe affrontato l’ingresso in quella curva con una traiettoria di circa 40cm più larga.
Nulla da dire invece per Jorge Lorenzo. Il numero 99 realizza giri veloci uno dietro l’altro, portandosi a casa l’ennesima Pole Position. Il suo rivale nella lotta al campionato, chiude in ogni caso in seconda posizione a soli 88 millessimi di secondo…e conosciamo bene le partenze che Camomillo è in grado di fare. Sarà sicuramente una lotta all’ultima curva.

Daniel Pedrosa - Team Repsol Honda

A chiudere, in terza posizione, troviamo un Cal Crutchlow (Yamaha Monster Tech3) in forma smagliante. Anche il pilota inglese non sbaglia praticamente nulla, portandosi a casa la terza casella in griglia di partenza. La quarta posizione in griglia verrà invece occupata dall’ americano Ben Spies, anch’egli in grande forma. Seguono nell’ordine Stefan Bradl (Team Honda LCR), e l’altro pilota del Team Yamaha Tech3, Andrea Dovizioso, un pò in ombra nella sessione di qualifiche ufficiali, e probabilmente poco a suo agio su questo circuito. Ottima la prestazione di Jonathan Rea, che anche in questa gara sostituisce l’infortunato Casey Stoner. Il pilota inglese, che porta sulle spalle anche il peso del Mondiale SuperBike, chiude le qualifiche ufficiali con un fantastico sesto posto, precedendo meritatamente le due Ducati ufficiali. Valentino Rossi chiude settimo in griglia ed il compagno di squadra Nicky Haiden lo affiancherà partendo dall’ottava casella.

Cal Crutchlow - Yamaha Monster Tech3

MotoGP Qualifying Practice Classifica 2012
1. Jorge Lorenzo SPA – Yamaha Factory racing Yamaha – 1’49.404
2. Daniel Pedrosa SPA – Repsol Honda Honda – 1’49.492
3. Cal Crutchlow GBR – Yamaha Monster Tech3 Yamaha – 1’49.576

Fantastica la prestazione in Moto2 di Simone Corsi (Came IodaRacing Project), che acciuffa la pole proprio al limite delle prove ufficiali.

Simone Corsi - Came IodaRacing Project

Nella categoria minore sarà Jonas Folger (Mapfre Aspar Team Moto3) a partire dalla prima casella sulla griglia.

Jonas Folger - Mapfre Aspar Team Moto3

FONTE: FANPAGE.IT MotoGP: Jorge Lorenzo vola nelle qualifiche ufficiali
ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

Fanpage è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n. 57 del 26/07/2011.

MotoGP: Aragon, prove libere. Il maltempo colpisce ancora


Valentino Rossi - Ducati Team

Anche ad Aragon, come a Misano due settimane fa, il maltempo condiziona la prima giornata di prove libere.Poca attività per la classe regina. Rossi, secondo nella prima sessione a 860 millesimi dal compagno di scuderia, viene rallentato da un problema al cambio durante la seconda tornata.

Venerdì, 28 Settembre 2012
A distanza di due settimane dalla gara di Misano Adriatico, è ancora il maltempo a dettare legge durante la prima giornata di prove libere.
Siamo ad Aragon, in Spagna, Gran Premio Iveco,sul circuito disegnato dall’architetto tedesco Hermann Tilke. Sono i “cuccioli” della Moto3 ad aprire le danze, inaugurando il tracciato nella prima sessione di prove libere del mattino. La pista, reduce dalla pioggia della notte, è in condizioni difficili, tanto da regalare subito le prime scivolate che si susseguono numerose durante tutta la sessione. La presenza di olio sulla pista, a seguito di una caduta, costringe la direzione di gara ad esporre la bandiera rossa.

Il più veloce è Miguel Oliveira, che nonostante una scivolata rimane in testa al gruppo della classe minore. Maverick Viñales, diretto inseguitore del leader della classifica iridata Sandro Cortese, non trova il giusto feeling con il tracciato e chiude al decimo posto.

Miguel Oliveira - Team Estrella Galicia 0,0

Moto3 Free Practice Nr. 1 Classifica 2012
1. Miguel Oliveira POR – Team Estrella Galicia 0,0 Suter Honda2’11.415
2. Luis Salom SPA – Team RW Racing GP Kalex KTM2’12.770
3. Jonas Folger GER – Mapfre Aspar Team Moto3 Kalex KTM2’12.839

Moto3 Free Practice Nr. 2 Classifica 2012
1. Miguel Oliveira POR – Team Estrella Galicia 0,0 Suter Honda2’16.726
2. Danny Kent GBR – Team Red Bull KTM Ajo KTM2’16.909
3. Zulfahmi Khairuddin – MAL – Team AirAsia-Sic-Ajo KTM2’16.997

L’interruzione della Moto3 ritarda la partenza della classe regina, che vede però pochi partecipanti a darsi battaglia sul circuito. Le condizioni poco interpretabili dell’asfalto fanno preferire alla maggior parte dei Top Riders il box, anzichè l’umido asfalto. A fine sessione i primi due posti sono occupati dalle due Ducati ufficiali. L’americano Nicky Hayden stacca di 806 millesimi il compagno di squadra Valentino Rossi, reduce dal podio di Misano Adriatico. Segue la CRT di Aleix Espargaró.

Nicky Hayden - Ducati Team

Diversa la seconda sessione di prove che propone un asfalto completamente bagnato, adatto quindi a testare il setup “RAIN”. Avremmo dovuto vedere il Dottore e la sua Desmo16 a loro perfetto agio in queste condizioni, ma stranamente il pilota di Tavullia si ritrova, a fine turno, relegato in ottava posizione con un ritardo di oltre due secondi da Ben Spies, leader della seconda sessione.

Ben Spies - Yamaha Factory Racing

A cosa imputare un risultato del genere, quando è risaputo che la rossa di Borgo Panigale adora le condizioni “anfibie”? Da notare che Nicky Hayden chiude comunque la sua giornata al quarto posto con un tempo di tutto rispetto e non troppo distante dal leader. Ma allora cosa è successo al Dottore? Con tutta questa pioggia avrà preso un raffreddore? Le nuove modifiche testate la scorsa settimana hanno migliorato la situazione in condizioni di asciutto, ma le hanno peggiorate sul bagnato?… No, nulla di tutto ciò.
Un problema al cambio, probabilmente di natura meccanica (la marce saltavano e spesso si ritrovava in folle), ha rallentato Valentino Rossi nella seconda tornata di prove, senza riportare fortunatamente danni al motore.
La seconda moto, però, non ha restituito a Valentino il feeling della rossa ufficiale. Ma nulla di preoccupante…per le prove ufficiali, la prima moto tornerà “in forma”.
Valentino ha però confermato le buone sensazioni date dal nuovo telaio e dal nuovo forcellone anche sul bagnato, aspettando l’asciutto per tratte le conclusioni definitive.
I due spagnoli in lotta per il Mondiale, Daniel Pedrosa e Jorge Lorenzo chiudono il secondo turno di libere, rispettivamente al secondo ed al terzo posto.

Daniel Pedrosa - Team Repsol Honda

Jorge Lorenzo - Yamaha Racing Factory

MotoGP Free Practice Nr. 1 Classifica 2012
1. Nicky Hayden USA – Ducati Team Ducati2’04.890
2. Valentino Rossi ITA – Ducati Team Ducati2’05.750
3.Aleix Espargarò SPA – Team Power Electronics Aspar ART2’07.378

MotoGP Free Practice Nr. 2 Classifica 2012
1. Ben Spies USA – Yamaha Factory Racing Yamaha2’00.219
2. Daniel Pedrosa SPA – Repsol Honda Team Honda2’00.285
3. Jorge Lorenzo SPA – Yamaha Factory Racing Yamaha2’00.746

In Moto2, l’italiano Andrea Iannone chiude la prima tornata di libere in testa alla classifica, seguito da Gine Rea e Thomas Luthi.
La seconda sessione vede come leader Johann Zarco, seguito da un ottimo Alex De Angelis. Segue, mantenendo un passo costante, Thomas Luthi

Moto2 Free Practice Nr. 1 Classifica 2012
1. Andrea Iannone ITA – Speed Master Speed Up2’07.981
2. Gino Rea GBR – Federal Oil Gresini Moto2 Suter2’08.392
3. Thomas Luthi SWI – Interwetten-Paddock – Suter2’08.751

Moto2 Free Practice Nr. 2 Classifica 2012
1. Johann Zarco FRA – JIR Moto2 Motobi2’07.844
2. Alex De Angelis ITA – NGM Mobile Forward Racing FTR2’08.134
3. Thomas Luthi SWI – Interwetten-Paddock – Suter2’08.190

FONTE: FANPAGE.IT MotoGP: Aragon, prove libere. Il maltempo colpisce ancora
ARTICOLO e FOTOGRAFIE: Felice Monteleone

Fanpage è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n. 57 del 26/07/2011.

MotorSport GIRLS…..


New Superbike Paddock Girls Gallery
Pictures from Misano BRNO, ARAGON, MISANO and MILLER MOTORSPORT

SOURCE & CREDITS: WORLDSBK.COM

Sykes the fastest at Aragon test with the new 17″ wheels



Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) set the fastest time of the one-day Infront Motor Sports official tests on the new generation of 17-inch wheels and Pirelli tyres which were seen for the first time today. His lap of 1 minute 57.254 seconds compares favourably with the existing race lap record, set on race tyres not qualifying rubber, of 1 minute 58.251 seconds.

Marco Melandri (BMW Motorrad Motorsport) was barely slower than Sykes despite not improving on his morning test session best lap, with Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia GoldBet) third quickest and Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) fourth.

Setting outright fast lap times was not the aim of these tests, which were designed as an introduction to the new 17-inch aluminium wheels which will be mandatory in 2013, and an early comparison between the existing Pirelli tyres and the new range which will feature on the 17-inch rims.

Max Biaggi (Aprilia Racing) and Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport) finished testing fifth and sixth, but Leon Camier (FIXI Crescent Suzuki) was an improved seventh. Top Honda rider was Jonathan Rea (Honda World Superbike Team) eighth, just ahead of Althea Racing Ducati pairing Davide Giugliano and Carlos Checa.

FULL ARTICLE:

Tom Sykes the fastest driver with the new 17″ wheels.

Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) ha registrato il miglior tempo nella giornata di Test Ufficiali al MotorLand Aragon (Spagna), in cui sono stati provati oggi per la prima volta i cerchi di nuova generazione con i nuovi pneumatici Pirelli da 17 pollici. Il tempo di 1’57.254 sul giro rappresenta un miglioramento dell’attuale record di gara di 1’58.251 – realizzato quindi con pneumatico da gara e non da qualifica.
Marco Melandri (BMW Motorrad Motorsport) è risultato leggermente più lento di Sykes nella seconda sessione del pomeriggio, in quanto, a differenza del britannico, non è riuscito a migliorare i tempi della mattina.
Il ravennate è stato seguito da Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia GoldBet) e dai due piloti del Team Aprilia Racing, Eugene Laverty e Max Biaggi.
Obiettivo della giornata non era fissare il miglior tempo, ma testare i nuovi cerchi da 17″ in lega di alluminio, obbligatori dal 2013, e quindi la nuova gamma di pneumatici studiati da Pirelli appositamente per questi cerchi.

ARTICOLO COMPLETO:

Sykes il più veloce con i nuovi pneumatici da 17”.

NEWS SOURCE & CREDITS: WORLDSBK.COM
PHOTO SOURCE: Copyright©FeliceMonteleone

Aragon 2012 Best Videos


Aragon Race1

Max Biaggi interview

Aragon Race2

Marco Melandri interview

Copyright©FeliceMonteleone

Aragon 2012 SBK Highlights


Max Biaggi (Aprilia Racing) secured a tight win by only 0.278 seconds from his great rival Marco Melandri (BMW Motorrad Motorsport) in race one at Motorland. This was Biaggi’s fourth win of 2012, and his third in a row.
The top two were well clear of the battle for third, which eventually went to Carlos Checa (Althea Racing Ducati) from Chaz Davies (ParkinGO MTC Aprilia). Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) was deprived of what looked like a sure podium place when Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia GoldBet) lost the front and his machine hit Sykes’ rear wheel, and both riders fell.

Marco Melandri (BMW Motorrad Motorsport) secured his third win of the season after a spectacularly tight fight against three other riders. Second in the race was Eugene Laverty (Aprilia Racing) who lost out by only 0.042 seconds. Immediately behind Chaz Davies (ParkinGO MTC Racing Aprilia) held off the attention of Max Biaggi (Aprilia Racing) to take his first ever podium in the eni FIM Superbike World Championship.

The top four riders were only 0.484 seconds apart after a thrilling 20-lap race at the beautifully designed Motorland Aragon circuit. Behind the leading quartet Jonathan Rea (Honda World Superbike Team) went fifth after recovering from another bad start, with Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport), Carlos Checa (Althea Racing Ducati) and Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) in basically the same group for most of the race.
In the championship points, Biaggi has 248.5, Melandri has 200.5, Rea has 183, Checa has 175.5 and Sykes is fifth with 172.5.

SOURCE & CREDITS: WORLDSBK.COM

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: