Archivi categoria: Test

MotoGP 2014: Marquez ahead of rivals as first Sepang test concludes


header

2014 MotoGP™ Official Press Release

Repeating his dominance of the first two days, Marc Marquez concluded the first Sepang test of the 2014 preseason ahead of his rivals, thanks to a rapid early best time.

marc_high_02

The MotoGP™ World Champion Marquez wasted no time on the final test day at the Malaysian venue, laying down a superb 1’59.533 marker in the cooler temperatures of the morning. His pace-setting lap was marginally quicker than the previous best Sepang test time of 1’59.607, registered by Casey Stoner also on the Honda prototype in 2012.

Marquez later produced a strong performance in a race simulation with 15 consecutive laps under the 2’01 mark.

The early running had seemed more like a qualifying practice than a test session with the top riders battling each other for top spot in a time attack.

Nine-times World Champion Valentino Rossi set his own personal best Sepang test time of 1’59.727, whilst Jorge Lorenzo clocked the third best time of the day with a notably quick 1’59.866 effort on just his second lap.

vale_high_o2

Like Marquez, both Yamaha Factory riders later produced longer runs as they too worked on tyre durability and fuel consumption in preparation for their battles this year with the incoming ‘Open’ class machines – which will have a 24 litre fuel limit compared to the 20 litre capacity of the Factory entries.

Showing the potential of the new ‘Open’ bikes was the consistently impressive Aleix Espargaro on the FTR Yamaha of NGM Mobile Forward Racing, with his 1’59.998 best time coming on the second of 43 laps. The older Espargaro brother’s pace is one of the talking points of the week and he was able to lap nearly two seconds quicker than his teammate Colin Edwards who concluded Thursday’s session 14th.

aleix_high_02

LCR Honda’s Stefan Bradl (+0.579) was close behind Forward Racing’s Espargaro in fifth, despite falling at turn one early on Thursday. That was of course the corner where he fractured his ankle in October’s Grand Prix, but on this occasion he was unhurt and immediately remounted.

stefan_high_02

Repsol Honda’s Dani Pedrosa made a slower start and also had an off track excursion early in the morning, but later moved towards the business end of the timesheet, going up to sixth place with a 2’00.223 lap in the afternoon.

A decent time for Ducati Team’s Andrea Dovizioso (2’00.370) put him seventh on Thursday, the Italian producing one of Ducati’s best ever Sepang test times. Indeed Dovizioso’s time was a 0.776s improvement on his Wednesday best and was 0.7s faster than his new teammate Cal Crutchlow’s final time, as the Englishman ended up 12th.

Both Ducati riders expect machine upgrades for the second Sepang test later this month.

Like his older brother Aleix, rookie Pol Espargaro also impressed, finishing as the faster of the Monster Yamaha Tech 3 riders in eighth place, 1.122s down on Marquez’ best time.

pol_high_02

Fellow Tech 3 man Bradley Smith was 11th overall, though he may not have been shooting for out and out pace on Thursday and will hope to improve his competitiveness if the team can secure access to the Yamaha seamless shift gearbox early in 2014.

The top ten was completed by Pramac Racing’s Andrea Iannone and GO&FUN Honda Gresini’s Alvaro Bautista, with both riders just over a second off the pace. Drive M7 Aspar’s Nicky Hayden and GO&FUN Honda Gresini’s Scott Redding were 13th and 21st respectively and will both hope to go faster on the new RCV1000R before the season starts.

Suzuki Test Team rider Randy de Puniet will also continue his work throughout the year in testing as he looks to close a three second gap to the front with the evolving Suzuki machine. He was 17th on the timesheet.

The majority of riders broke for lunch shortly before 2pm local time as the heat increased, with more race simulations and longer runs a key focus after the initial morning runs. The data from those longer runs are crucial for fuel economy calculations for the ‘Factory’ bikes in particular, as they have one litre of race fuel less than 2013.

A new Bridgestone tyre was also tested by the riders this week – a similar construction to that used in Valencia testing in November, with a compound slightly adapted to suit the Sepang heat. The Japanese tyre supplier will therefore hoped to have gathered useful data for improved performance in 2014.

The premier class riders will be back in action at the Sepang International Circuit for further testing from 26th to 28th February.

MotoGP 2014: ALVARO BAUTISTA E SCOTT REDDING CONCLUDONO I TEST DI SEPANG RACCOGLIENDO DATI PREZIOSI


0_bau_hires

OFFICIAL GRESINI PRESS RELEASE – 6 Febbraio 2014

Si è conclusa oggi la tre giorni di prove della MotoGP sul circuito di Sepang: sia Alvaro Bautista che Scott Redding hanno continuato il lavoro impostato nei primi due giorni, raccogliendo dati preziosi in vista dei test che si terranno a fine mese nuovamente sul tracciato malese.

In sella alla Honda RC213V, Bautista ha provato diverse soluzioni di assetto alla ricerca di un maggior grip al posteriore: al momento lo spagnolo sta infatti faticando a sfruttare al cento per cento le nuove gomme Bridgestone per la stagione 2014, anche se il team, supportato da Showa, ha già alcune idee per progredire in vista dei prossimi test. 2’00”788 il miglior giro di Alvaro, in 63 giri totali. Sulla Honda RCV1000R, Redding ha completato una sessantina di giri con un miglior tempo di 2’02”833; il rookie inglese ha affrontato il primo vero test in MotoGP senza errori, prendendo confidenza con la moto e migliorando gradualmente i tempi: a fine mese riprenderà il lavoro su assetto e elettronica.

Il Team GO&FUN Honda Gresini tornerà in azione a Sepang per la tre giorni di test programmata per il 26, 27 e 28 febbraio.

ALVARO BAUTISTA (2’00″788 – 63 GIRI)
“Oggi abbiamo proseguito il lavoro fatto nei primi due giorni di test, sostanzialmente i nostri sforzi si sono concentrati nuovamente sulle sospensioni alla ricerca di una maggiore aderenza al posteriore e di un miglior feeling generale con la moto. È stato fatto un piccolo passo avanti rispetto a ieri, però non riusciamo ancora a sfruttare al massimo le nuove gomme Bridgestone: al momento ci offrono meno grip rispetto a quelle dello scorso anno e di conseguenza non riesco ancora ad agire sull’acceleratore come vorrei. Nei test in programma a fine mese lavoreremo tanto su questo aspetto. Dovremo migliorare anche sulla velocità sul giro secco: questa mattina ho montato la gomma morbida ma anche in questo caso non siamo riusciti a sfruttarla e non sono stato velocissimo. Per quanto riguarda il passo gara invece sono abbastanza soddisfatto, essendo riuscito a fare molti giri consecutivi vicini al mio miglior tempo. Il bilancio comunque è positivo: c’è ancora tanto lavoro da fare, ma sia noi che Showa abbiamo raccolto dati importanti in vista dei prossimi test”.

SCOTT REDDING (2’02″833 – 60 GIRI)
“Oggi ho potuto compiere un altro passo in avanti, sto imparando pian piano a far scivolare la moto per farla curvare meglio e in generale mi sento più a mio agio mentre guido. Purtroppo le condizioni difficili della pista nel pomeriggio non mi hanno permesso di migliorare molto i miei tempi, ma sono contento di come è andato il mio primo test con il team: nelle prossime prove a fine mese ci concentreremo sulle sospensioni e sull’affinamento dell’elettronica, in particolare del controllo di trazione”.

3_red_hires

FAUSTO GRESINI
“Sono stati tre giorni di test importanti, anche se la classifica non ci rende giustizia: purtroppo nei primi due giorni il programma di lavoro con Bautista è proseguito un po’ a rilento e quindi in questa ultima giornata non siamo essere riusciti ad essere competitivi come ci aspettavamo, anche se Alvaro ha già messo in mostra un buon passo. Non sono comunque preoccupato, ci aspetta un altro test a fine mese nel quale cercheremo di migliorare, soprattutto nella ricerca di più grip. Riguardo a Scott, il bilancio è positivo: non va dimenticato che è soltanto all’inizio di questa avventura; tre giornate di test su una MotoGP in una pista come Sepang non sono facili per un debuttante, ma Redding è migliorato giorno dopo giorno senza fare errori. Ci vorrà ancora un po’ di tempo per vedere tutto il potenziale suo e della RCV1000R”.

English Version:

ALVARO BAUTISTA AND SCOTT REDDING CONCLUDE SEPANG TEST COLLECTING VALUABLE DATA

Team GO&FUN Honda Gresini completed today an exhaustive three days of testing at the Sepang International Circuit. Both Alvaro Bautista and Scott Redding continued the work set in the first two days, collecting valuable data ahead of the next test to be held later this month, again on the Malaysian track.

Aboard his Honda RC213V, Bautista tried different set-up solutions looking for more traction: the Spaniard is struggling a little bit with the new Bridgestone tyres for the 2014 season, although the team, together with Showa, has already some ideas to improve. Alvaro signed off the three days of testing putting in 63 laps with a best time of 2’00”788. Scott signed off the test putting in 60 laps setting a best time of 2’02”833; the English rookie faced his first real test in MotoGP without making mistakes, getting to grips with the bike and gradually improving his lap times: later this month he will resume work on bike set-up and traction control.

The Team GO & FUN Honda Gresini will return to action at Sepang for the three-day test scheduled on 26th, 27th and 28th of February.

ALVARO BAUTISTA (2’00″788 – 63 LAPS)
“Today we continued the work done in the first two days of testing: basically our efforts were focused again on the suspension, looking for more grip on the rear and for an overall better feeling with the bike. We made a small step forward, but at the moment we still can not take full advantage of the new Bridgestone tyres; we have less grip than last year and as a result I still can not open the throttle as I would like. Later this month, in the next tests, we will work hard on this aspect. We also need to improve the speed on the single lap: this morning I put on the softer tyre, but we were not able to exploit it, and I was not very fast. However, I’m quite happy of my race pace, as I was able to do many consecutive laps close to my best time. My opinion on this first test is positive: there is still much work to do, but the team and Showa have collected valuable data for the upcoming test”.

SCOTT REDDING (2’02″833 – 60 LAPS)
“Today I was able to take another step forward: I am learning how to slide the bike to get it turned on exit and in general I felt more at ease while riding. Unfortunately, the difficult conditions of the track in the afternoon did not allow me to improve a lot of my lap time, but I’m happy with how my first test with the team went; later this month we will come back in Sepang, and we will continue to work on the suspension and on electronic set-up refinement, in particular traction control”.

FAUSTO GRESINI
“It’s been an important three-day test, although the final classification does not do justice to us; unfortunately we lost a bit of time in the first two days with Bautista, so in this last day we were not be able to be as competitive as expected, although Alvaro already showed a good pace. Anyway I’m not worried, we have another test later this month in which we will try to improve, especially for rear grip. With respect to Scott, the balance is positive: we must not forget that it’s only the beginning of this adventure. Three days of testing on a MotoGP bike on a track like Sepang is not easy for a rookie, but Redding has improved day after day without doing mistakes. It will take a little more time to see his full potential”.

MotoGP 2014: Marquez domina anche la seconda giornata di test


Doppietta Repsol Honda nella seconda giornata di test ufficiali al Sepang International Circuit.
Il neo campione del mondo Marc Marquez continua a dominare seguito dal connazionale compagno di squadra Dani Pedrosa. Valentino Rossi è quarto a più di mezzo secondo.
Ottima la prestazione di Aleix Expargarò con la sua “Open” nella top five virtuale.

Marc Marquez

Tramonta il sole a Sepang, ma la storia non cambia. Infatti anche oggi a dettare legge al Sepang International Circuit è sempre lui, il campione del mondo Marc Marquez. Il pilota spagnolo, rimane in testa nella classifica virtuale per l’intera giornata di test, permettendosi anche il lusso di abbattere il muro dei 2″ facendo fermare il cronometro, poco prima della pausa pranzo, sullo spettacolare tempo di 1’59.926, a soli 3 decimi dal record della pista tuttora detenuto dal campione australiano Casey Stoner.
Il team Repsol Honda può sicuramente ritenersi soddisfatto visto che alle spalle di Marquez c’è il suo compagno di squadra Dani Pedrosa con un ritardo di 4 decimi di secondo.

Dani Pedrosa

Stefan Bradl completa il terzetto Honda chiudendo il podio virtuale che va così completamente alla casa giapponese.
In questa seconda giornata di test il pilota tedesco del team Honda LCR è stato sempre tra i più veloci non allontanandosi mai dalle primissime posizioni.
Ad interrompere il predominio nipponico ecco, al quarto posto assoluto, Valentino Rossi e la sua Yamaha M1. Durante il corso della giornata il pilota di Tavullia si è dedicato soprattutto alle regolazioni di assetto della sua moto, atte a trovare il feeling migliore. Ma la vera sorpresa di questo secondo turno è stato sicuramente il quinto posto di Aleix Espargarò che porta la sua Open del Team NGM Forward Mobile proprio a ridosso del pilota italiano, accusando un solo decimo di distacco dal nove volte campione del mondo.

Aleix Espargarò

In ritardo Jorge Lorenzo, che non è riuscito a tenere il passo dei primi, concentrandosi quindi sulle regolazioni e sui vari set-up della sua M1. Segue il pilota inglese del Team Yamaha Monster Tech3 Bradely Smith; alle sue spalle ecco la prima Ducati, ma non è quella ufficiale, ma quella di Andrea Iannone e a seguire la Honda del Team Gresini di Alvaro Bautista

Jorge Lorenzo

MARC MARQUEZ (Honda HRC Repsol):
“Oggi abbiamo continuato con la tabella che avevamo programmato, valutando diversi componenti. Abbiamo fatto diverse prove con miglioramenti in alcuni punti.” ha detto il giovane talento fornendo preziose informazioni agli ingegneri HRC.”Per quanto riguarda la messa a punto, abbiamo migliorato la stabilità in frenata, credo che abbiamo finalmente trovato un buon compromesso.”

DANI PEDROSA (Honda HRC Repsol):
“Oggi abbiamo testato il nuovo telaio mettendolo a confronto con la versione precedente; continueremo anche domani, perché non mi è chiaro quale sia la migliore. Con i due avevano buoni sentimenti , ma ho bisogno di più giri per scegliere uno chiaramente.”

STEFAN BRADL (Honda LCR):
“Oggi sono veramente soddisfatto: è bello stare di nuovo lì davanti con Dani e Marc. Abbiamo fatto dei grossi miglioramenti e ho girato un secondo più forte rispetto a ieri grazie anche alle modifiche sull’anteriore che mi hanno permesso di essere più a mio agio in frenata. Sapevamo che il nostro potenziale su questa moto era maggiore e oggi siamo stati veloci e costanti. Spero di continuare così anche domani; abbiamo in programma una simulazione di gara per chiudere i test e tornare a casa con una buona base per il futuro”.

ALEIX ESPARGARO’ (OPEN NGM Forward Mobile):
“Sono molto contento perchè questa mattina sono riuscito a girare 1 secondo piú veloce rispetto a ieri. Certo c’è molto da fare perchè devo non solo conoscere meglio l’elettronica, ma anche adattare il mio stile di guida alla moto, per sfruttarne al massimo il potenziale. Oggi abbiamo lavorato sul telaio e provato cinque tipi diversi di gomme. Domani avremo invece un long run per capire come si comporta l’elettronica, specie nella seconda parte di gara”.

ANDREA DOVIZIOSO (Ducati Team):
“Sono contento dei progressi che abbiamo fatto, non mi aspettavo di provare delle sensazioni così buone nel primo test dell’anno” ha commentato Andrea Dovizioso, 11° quest’oggi col crono di 2’01.146. Siamo riusciti a migliorare in inserimento e anche ad avere un po’ più di velocità in centro curva. Acceleriamo un po’ più forte perché la moto si impenna di meno e quindi possiamo usare più potenza. Ci siamo avvicinati ai primi come tempi, come passo anche, ma c’è ancora tanto lavoro da fare. Però giudico i miglioramenti che abbiamo fatto in questi primi due giorni più che positivi.”

CAL CRUTCHLOW (Ducati Team):
“Credo di essere uno dei piloti che ha migliorato di più oggi come tempo sul giro” ha esordito un raggiante Cal Crutchlow. L’inglese, oggi 12º dietro il suo compagno di squadra, ha continuato: “Ieri ero un po’ arrugginito e non avevo il feeling giusto sulla moto, ma il problema è stato soltanto mio. Oggi abbiamo girato solo con la GP14, testando alcuni assetti che non avevamo avuto tempo di provare ieri. Il risultato è stato positivo e quindi abbiamo fatto un buon passo in avanti. La nuova moto è molto migliorata nell’ingresso in curva, ed è un fatto positivo per la Ducati.”

CRONO DELLA SECONDA GIORNATA DI TEST:

Pos Rider Team Fastest lap Lead. Gap
1 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:59.926
2 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 2:00.336 0.410 0.410
3 BRADL, Stefan LCR Honda MotoGP 2:00.339 0.413 0.003
4 ROSSI, Valentino Yamaha Factory Racing 2:00.464 0.538 0.125
5 ESPARGARO, Aleix NGM Mobile Forward Racing 2:00.547 0.621 0.083
6 LORENZO, Jorge Yamaha Factory Racing 2:00.573 0.647 0.026
7 SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 2:00.603 0.677 0.030
8 IANNONE, Andrea Pramac Racing 2:00.855 0.929 0.252
9 BAUTISTA, Alvaro GO&FUN Honda Gresini 2:00.897 0.971 0.042
10 ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 2:01.061 1.135 0.164
11 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 2:01.146 1.220 0.085
12 CRUTCHLOW, Cal Ducati Team 2:01.396 1.470 0.250
13 PIRRO, Michele Ducati Test Team 2:02.177 2.251 0.781
14 HAYDEN, Nicky Drive M7 Aspar 2:02.287 2.361 0.110
15 EDWARDS, Colin NGM Mobile Forward Racing 2:02.545 2.619 0.258
16 HERNANDEZ, Yonny Energy T.I. Pramac Racing 2:02.675 2.749 0.130
17 AKIYOSHI, Kosuke HRC Test Team 2:02.692 2.766 0.017
18 AOYAMA, Hiroshi Drive M7 Aspar 2:02.825 2.899 0.133
19 NAKASUGA, Katsuyuki Yamaha Factory Test Team 2:02.970 3.044 0.145
20 DE PUNIET, Randy Suzuki Test Team 2:03.064 3.138 0.094
21 REDDING, Scott GO&FUN Honda Gresini 2:03.117 3.191 0.053
22 LAVERTY, Michael Paul Bird Motorsport 2:03.528 3.602 0.411
23 BARBERA, Hector Avintia Racing 2:04.551 4.625 1.023
24 PARKES, Broc Paul Bird Motorport 2:04.619 4.693 0.068
25 ABRAHAM, Karel Cardion AB Motoracing 2:05.261 5.335 0.642
26 DI MEGLIO, Mike Avintia Racing 2:05.355 5.429 0.094

Domani, dalle 10 alle 18 ora locale (GMT +8 ), la terza e ultima giornata di questa prima settimana di test ufficiali a Sepang della MotoGP.

FIRMA_500

MotoGP 2014: Marquez rapid as Espargaro’s Open finishes fifth


header

2014 MotoGP™ Official Press Release

Repsol Honda Team’s Marc Marquez upped the pace as testing continued in Malaysia on Wednesday, while NGM Mobile Forward Racing’s Aleix Espargaro placed an Open specification bike inside the top five for the first time.

marc_high_01

With conditions just as good as they had been on Tuesday, it was Marquez’s team-mate Dani Pedrosa who led the way for much of the first half of the day. The World Champion then smashed through the two-minute barrier shortly before his lunch break, after which there were substantially less changes in lap times. It remains to be seen as to whether Marquez can better Casey Stoner’s 2012 pre-season time of 1’59.607, also registered on a Repsol Honda motorcycle.

With Repsol Honda first and second, Stefan Bradl was third for LCR Honda MotoGP (three thousandths down on Pedrosa) with Valentino Rossi fourth for Yamaha Factory Racing. Aleix Espargaro again displayed the promise of the new Open FTR-Yamaha combination, as his Forward machine was barely two tenths down on the nearest Factory Honda, with Rossi’s team-mate Jorge Lorenzo sixth; the former double title winner was attempting to improve handling issues, encountered on Day 1 as a result of setup changes made in a bid to improve fuel consumption, as for 2014 the Factory Option bikes are limited by a further litre of fuel to just 20 across a race distance.

jorge_high_01

Bradley Smith spearheaded the Monster Yamaha Tech3 charge, with Pramac Racing’s Andrea Iannone in eighth position; on the leading Ducati, the Italian was some seven tenths of a second quicker than he had been on Tuesday. Alvaro Bautista was ninth for GO&FUN Honda Gresini, but his day was not without its problems; at 11:30, the Spaniard suffered a technical problem and thus took a shortcut back to the pit lane. The top ten was completed by Smith’s team-mate Pol Espargaro, while brother Aleix’s team-mate Colin Edwards was the only rider to not improve his lap time today, but his best effort from Day 1 still leaves the American 15th on the combined timesheet.

bradley_high_01

Ducati Team bikes were locked together once again, this time filling positions 11 to 13 with Andrea Dovizioso, Cal Crutchlow and test rider Michele Pirro, with their quickest lap time some 1.3 seconds quicker than it had been 24 hours earlier. In the Honda RCV1000R ranks, the quickest rider was again Drive M7 Aspar’s Nicky Hayden as the 2006 World Champion managed to circulate 1.1 seconds faster than he had on Day 1. As ever, the true pace of all bikes is difficult to gauge as fuel loads and other such details remain highly secretive. However, more clues may be available on Thursday as a selection of riders aim for race simulations; such long-run pace often serves as a better indicator, although this is only the first of four Official pre-season tests set to be staged prior to the season-opening Grand Prix in Qatar on 23 March.

andrea_high_01

The Suzuki Test Team ended the day 20th with Randy de Puniet – 3.1 seconds behind Marquez but eight tenths of a second faster than the Frenchman’s own best lap of Tuesday – as they continued their journey ahead of a MotoGP™ return in 2015. Elsewhere, premier class rookies Scott Redding, Broc Parkes and Mike di Meglio continued adapting to their respective Honda RCV1000R, PBM and Avintia bikes for the corresponding Gresini, Paul Bird Motorsport and Avintia Racing teams.

Thursday will mark the third and final day of this week’s Sepang Official MotoGP™ Test, with identical running times of 10am-6pm local time (GMT +8).

MotoGP 2014: Marquez leads on opening day of Sepang test


header

2014 MotoGP™ Official Press Release

World Champion Marc Marquez topped the timesheets as this week’s Sepang Official MotoGP™ Test began today. The Repsol Honda Team rider led the way from Yamaha Factory Racing’s Valentino Rossi and Honda team-mate Dani Pedrosa, with leading Open rider Aleix Espargaro seventh for NGM Mobile Forward.

marc_high

valentino_high

Following the usual break for lunch in the middle of the day, the final of the eight hours saw track temperatures drop which allowed riders to push for quicker lap times. This duly saw Marquez post 2’00.286, half a second up on Rossi as both the Italian and Marquez’s team-mate Dani Pedrosa jumped ahead of Jorge Lorenzo’s Yamaha in the final minutes of the day. The top six was completed by GO&FUN Honda Gresini’s Alvaro Bautista and LCR Honda MotoGP’s Stefan Bradl.

stefan_high

At Repsol Honda, this year’s RC213V features a larger air intake in an attempt to increase top speeds and improve throttle response on the exit of corners, with Marquez posting the leading effort fresh from historically claiming the title in Valencia last year. In the Yamaha garage, Rossi continued to develop his working relationship with new Crew Chief Silvano Galbusera, who first worked alongside the nine-time World Champion for the post-race test after the final Grand Prix of 2013.

Much attention was on Ducati Team, with talk continuing to circulate that the outfit could elect to race under the new Open regulations this year; this would allow up to 24 litres of fuel as opposed to the 20 of the Factory Options, as well as working on engines during the season and not being limited by the new engine freeze. Also this season, all bikes in the field are running the spec ECU hardware for the first time; however Factory Options are free to use their own software, whereas Opens must adapt the spec software as supplied by Dorna Sports and Magneti Marelli.

The leading Open representative on this occasion was Forward’s Aleix Espargaro (seventh position), with Factory Option riders Andrea Iannone (Pramac Racing), Pol Espargaro and Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3 team-mates) helping to complete the top ten. Colin Edwards (Forward) overcame early technical difficulties to finish 11th quickest, as Ducati Team filled spots 12 to 14 with Andrea Dovizioso, test rider Michele Pirro and Cal Crutchlow. The leading Honda RCV1000R customer bike was that of 2006 title winner Nicky Hayden (Drive M7 Aspar) in 17th place.

cal_high

At Paul Bird Motorsport, Michael Laverty (25th position) suffered a frustrating start to proceedings, plagued first by brake problems and then by an engine failure. All teams were present with the exception of IodaRacing, which plans to make its 2014 track debut at the second Sepang test which is to run at the end of the month.

Testing continues at the Sepang International Circuit over the next two days, again running between 10am and 6pm local time (GMT +8).

MotoGP 2013: Valencia test commences with Lorenzo on top


motogp_info2013_header_0
VAL.160401

MotoGP™ Official Test at Ricardo Tormo
Mon, 12 November 2013
Report day 1/3

After his stunning win at Valencia in the final race of the season on Sunday it was Jorge Lorenzo who topped the timesheet again on Monday in the first day of 2014 ‘pre-season’ testing.

jorge_high_test_1024

Lap times of course do not mean a great deal at this stage, with some riders swapping machinery, many tweaking set-up and some joining new teams, but Lorenzo set the standards again – with a 1’31.257 late in the day. That lap was quicker than anyone went in Sunday’s race and came on the 2013 YZR-M1, although Lorenzo also has a 2014 development Yamaha available this week.

On the other side of the Yamaha Factory Racing box Valentino Rossi spent the day working with new Crew Chief Silvano Galbusera. The Doctor’s best time of the day was just 0.093s off Lorenzo’s best, also coming on his 2013 bike, though he too is already using the 2014 development M1.

Repsol Honda’s new World Champion Marc Marquez and his colleague Dani Pedrosa were both at the circuit but did not test on Monday – though they are expected on track on Tuesday as the battle to stay ahead of Yamaha continues.

Stefan Bradl was the fastest Honda rider on track on Monday, using his RC213V from this season to set the third best time of the day – 0.5s off Lorenzo’s pace.

New Ducati recruit Cal Crutchlow has taken Italian Crew Chief Daniele Romagnoli with him from Tech 3 to the Italian factory Ducati and the pair were working alongside new Ducati Corse General Manager Gigi Dall’Igna for the first time on Monday.

Crutchlow matched Ducati’s Sunday race pace, and was sixth overall just over 0.1s (check) behind new Ducati teammate Andrea Dovizioso who was fifth best. Dovizioso lapped in a similar pace to fourth fastest rider of the day, Andrea Iannone on the Pramac Racing Ducati.

Ducati Test Team rider Michele Pirro was 0.6s behind Crutchlow in seventh, just ahead of Yonny Hernandez – who was confirmed today to remain as Iannone’s teammate in the Pramac Racing Team permanently during the 2014 season.

Moto2 World Champion Pol Espargaro rode his first laps on his new Monster Yamaha Tech 3 MotoGP bike, in tenth spot on the timesheet, with a lap around two seconds off Lorenzo’s pace. His new teammate Bradley Smith sat things out and expects to get through all his test work for this week on Tuesday.

The new Honda RCV1000R was used for the first time by the GO&FUN Honda Gresini team as Scott Redding also got his 2014 MotoGP preparations underway, the Englishman ending up 11th overall. Cristian Gabarrini from HRC got Redding’s initial feedback on the new prototype, which the teams will adapt to over the winter.

Hiroshi Aoyama officially joined the Power Electronics Aspar team on Monday, but with Aspar only having one of their new Hondas ready for today, Nicky Hayden will have to wait until Tuesday to ride it. Aoyama was ninth best on the timesheet, 1.8s down on Lorenzo’s P1 pace.

Mike di Meglio has not ridden since the Brno Moto2™ race due to serious injury, but he was back on track today testing with the Avintia Blusens team.

Randy de Puniet should be testing with the PBM team on Tuesday as they look to confirm direction for next season, with the 2014-spec ART being prepared for the Frenchman on Monday.

The testing action at the Ricardo Tormo circuit will continue on Tuesday and Wednesday (10am-5pm both days). Live video coverage will be available again through motogp.com on Tuesday (11am-2pm).

cal_high_1024

pol_high_test_1024

scott_high_1024

cal2_high_1024

MotoGP2013: Marquez begins Valencia title-charge ahead of Lorenzo


motogp_info2013_header_0
VAL.160401

Gran Premio Generali de la Comunitat Valenciana
Report Day 1
Fri, 8 November 2013

title_motogp_2

As the MotoGP™ action on the first day of Free Practice at the GP Generali de la Comunitat Valenciana concluded it was Marc Marquez who set the pace with his teammate Dani Pedrosa only 0.066s behind him, and title rival Jorge Lorenzo 0.158s off the pace in third.

marc_high (1)_1024

Despite the windy conditions in the afternoon’s FP2 at the Valencia track, Marquez stepped up the pace in the second half of the session, with his best time of 1’31.220 not far off Pedrosa’s pole record of 1’30.844 from last year. Pedrosa was very close to his Repsol Honda colleague, with both of them still looking for more grip – using both the softer and harder option rear tyres.

Lorenzo improved late on in the session on his regular number-one machine, having spent time before on his number-two bike with holes in the front bubble to cope with the windy conditions. Monster Yamaha Tech 3’s Cal Crutchlow had a great day as he ended up fourth overall despite a late low-side crash, from which he escaped unhurt. The Englishman rides in his last GP for the team this weekend before departing for Ducati.

Yamaha Factory Racing’s Valentino Rossi, who is working with Crew Chief Jeremy Burgess for the last time this weekend, was fifth fastest on Friday, 0.4s off the pace. After his statements that he needs to get quicker for next year, he will hope for a strong push in tomorrow’s practice.

The top ten was rounded out by Stefan Bradl (LCR Honda), Alvaro Bautista (GO&FUN Honda Gresini), Bradley Smith (Monster Yamaha Tech 3) and Ducati Team pair Andrea Dovizioso and Nicky Hayden. Bradl is keen to resolve front-end grip issues, whilst Batista is working with a new Showa rear shock provided for this weekend.

Power Electronics Aspar’s Aleix Espargaro was unhurt after he crashed his ART machine, which was the new bike him and his team are testing this weekend for the Italian outfit. Despite switching bikes on Monday, Team Manager Gino Borsoi said that the team is pleased to help Aprilia until that day, hence why Espargaro is giving feedback on the new bike featuring a different frame, swingarm and engine. He ended the day 13th on the timesheet.

jorge_high (1)_1024

dani_high (1)_1024

aleix_high_1024

title_moto2_6

pol_high_1024

Having topped the FP1 timesheet, new Moto2™ World Champion Pol Espargaro was fastest again on Friday afternoon at the GP Generali de la Comunitat Valenciana, with his 1’35.548 lap keeping him 0.142s ahead of Tuenti HP 40 teammate Tito Rabat, and 0.426s in front of Interwetten Paddock Moto2 Racing’s Thomas Luthi.

Espargaro will ride a Monster Yamaha Tech3 MotoGP™ bike in testing next week and the pressure is off in many ways, having already clinched the title, but he now intends to end the season on a high. The Spaniard dominated both sessions at the Ricardo Tormo circuit on Friday but almost had a clash with wildcard rider Gino Rea during the afternoon, with both riders just managing to avoid going down.

Behind Espargaro, teammate Rabat aims for a strong finish to the season in his last race for Sito Pons’ outfit, and that pair could do battle for the win on Sunday if today’s pace is anything to judge by. Switzerland’s Tom Luthi would also be a good bet for a podium finish, though having also lapped in the top five Alex de Angelis (NGM Mobile Forward Racing) and Simone Corsi (NGM Mobile Racing) will aim to run at the front as the weekend progresses.

The top ten was completed by Jordi Torres, Mika Kallio, Nico Terol, Xavier Simeon and Julian Simon, all lapping within tenth tenths of a second of the leading time.

title_moto3_7

luis_high_1024

The Friday Moto3™ Free Practice sessions at the GP Generali de la Comunitat Valenciana were topped by the trio fighting for the title, with Luis Salom leading Alex Rins and Maverick Viñales.

Salom’s best time of 1’40.403 from FP1 was the best of the day and the Red Bull KTM Ajo man’s best FP2 time was just a tenth of a second slower, as Rins (Estrella Galicia 0,0) topped the timesheet in the latter session with a 1’40.489 fastest lap.

Team Calvo’s Viñales was third best in both sessions and his FP2 time of 1’40.580 was his best time of the day, as the three Spanish title candidates flexed their muscles in front of the home fans.

German rider Jonas Folger (Mapfre Aspar Team Moto3) and Australian competitor Jack Miller (Caretta Technology – RTG) were fourth and fifth overall respectively, but both were unable to improve on their morning best times in FP2.

The overall top ten was completed by Efren Vazquez (Mahindra Racing), Zulfahmi Khairuddin (Red Bull KTM Ajo), Niccolo Antonelli (GO&FUN Gresini Moto3), Miguel Oliveira (Mahindra Racing) and Alexis Masbou (Ongetta-Rivacold).

Khairuddin has had some costly crashes in recent weeks and he walked away from a big highside at the conclusion of the session, whilst Lorenzo Baldassarri was also unhurt in a light crash towards the end of the outing.

Brad Binder was taken to the Medical Centre with a suspected collarbone injury, as was Alan Techer, after both had FP2 crashes. Whilst Binder was cleared with shoulder contusion, Techer has suffered a left wrist fracture.

Jaguar XF Sportbrake….Oggi guido io


La redazione del programma televisivo Safe-Drive in collaborazione conl’ufficio stampa di Jaguar Italia, nell’ambito dell’iniziativa “Tester per un giorno”, hanno deciso di affidarmi il test-drive della station wagon della prestigiosa casa britannica.
Sentirsi un vero giornalista per un giorno non ha prezzo.

Roma 16 Aprile 2013

Di certo non potevo immaginare che la primavera potesse iniziare così.

Il 21 Marzo scorso ho infatti avuto la possibilità di effettuare il test-drive ufficiale della Jaguar XF Sportbrake, la lussosa e prestigiosa station wagon della casa britannica. Tutto è iniziato con una semplice mail nella quale la redazione del programma televisivo Safe-Drive (in collaborazione con l’ufficio stampa di Jaguar Italia, con il quotidiano online IlGiornale.it, e la nota rivista Automobilismo), mi proponeva di partecipare alla loro iniziativa Tester per un giorno, durante la quale la persona selezionata avrebbe effettuato un vero e proprio test-drive della vettura inglese.

Senza esitare aderisco all’iniziativa, e dopo qualche giorno arriva una telefonata dalla redazione di Safe-Drive che mi conferma che ero proprio io la persona selezionata per eseguire il test-drive, che avrei guidato per l’intera giornata la vettura e che, cosa a cui tenevo moltissimo, avrei scritto due articoli, uno per il quotidiano online IlGiornale.it, ed uno per la nota rivista del settore Automobilismo; inoltre il mio test-drive sarebbe andato anche in onda su Odeon TV all’interno di una delle puntate di Safe-Drive.
Sono stato sempre un appassionato di motori e giornalismo, quindi questa occasione rappresentava il coronamento di un mio grande sogno.

Finalmente arriva il 21 Marzo.
Partenza da Roma alle 6.50, ed arrivo a Milano alle 9.30; a venirmi incontro alla stazione di Milano c’è la deliziosa Jennifer Marfia, che mi accompagnerà, insieme a Diego Tamone e all’operatore televisivo Giuseppe Palazzolo, per l’intera giornata, “supportandomi” e “sopportandomi” in ogni frangente e situazione.
Finalmente è il momento di salire in macchina. Ad attendermi al parcheggio c’è la bellissima Jaguar XF Sportbrake 2.2 200CV Premium Luxury.

Analizziamo ora qualche caratteristica della vettura; la Jaguar si presenta ai nostri occhi come una station wagon dalle dimensioni molto generose;
misura infatti quasi 5 metri di lunghezza per una larghezza di circa 1.90 metri. Chiudo lo sportello ed inizia immediatamente la ricerca della posizione di guida ideale; io non sono alto, ma le innumerevoli regolazioni della vettura, ovviamente tutte azionabili elettricamente, mi consentono di raggiungere una posizione pressochè perfetta, garantendomi un’eccellente visibilità anteriore e posteriore. Quest’ultima è leggermente penalizzata dalle ridotte dimensioni del lunotto, ma i grandi specchi retrovisori e la telecamera posteriore sopperiscono egregiamente. Le immagini di quest’ultima sono visibili nel display a colori che si trova al centro della plancia e che ospita un vero e proprio sistema multimediale con navigatore satellitare, impianto audio e connessione Bluetooth per tutti i telefoni e smartphones di ultima generazione.

Sulla console centrale è presente il tasto Start&Stop…una leggera pressione ed il motore prende vita…e per magia il selettore del cambio automatico (8 rapporti selezionabili manualmente anche tramite le apposite leve poste dietro lo sterzo), appare sul tunnel centrale.
La versione da me testata è la 2.2 da 200CV, ma la Jaguar XF Sportbrake è disponibile anche in altre due motorizzazioni 3.0 V6 twin turbo rispettivamente da 240CV e 275CV; la station wagon britannica è disponibile esclusivamente con alimentazione a gasolio, e gli allestimenti disponibili sono Normale, Luxury, Premium Luxury e Portfolio.

Finalmente inzia l’avventura. Ad ospitare il mio test-drive è la meravigliosa cornice del parmense, ricca di borghi e castelli medioevali. Strade alberate, clima decisamente pimaverile e la mia (anche se solo per un giorno) Jaguar, sono gli ingredienti che accompagnerammo me e tutto lo Staff di Safe-Drive per l’intera giornata.

La prima tappa è il meraviglioso borgo di Fontanellato, dove inizia la mia presentazione e quella della vettura….la telecamera intimorisce, soprattutto per chi è abituato a stare dall’altra parte dell’obiettivo come me! Ma Jennifer, con la sua gentilezza e cordialità, riesce sempre a mettermi a mio agio.

Dopo essermi presentato e aver raccontato chi sono e cosa faccio, risaliamo in macchina per effettuare le riprese della vettura in movimento, stop per la pausa pranzo (come passa velocemente il tempo!!!), e poi di nuovo al volante per raggiungere un altro suggestivo borgo. Questa volta facciamo tappa a Rocca Bianca, ed è sempre il suo castello medioevale ad incorniciare la mia descrizione della Jaguar…questa volta però parleremo delle linee di questa station wagon che, a mio modesto modo di vedere, sono il suo vero punto di forza.

Esternamente la vettura presenta quattro grandi nervature, due delle quali prendono vita dalla parte centrale del cofano motore. Le altre due salgono raccordandosi con la parte alta della vettura fino a raggiungere la parte posteriore…è qui che la Jaguar offre il meglio di se. Il retro della vettura è elegante e sportivo al tempo stesso, ed il portellone, ad apertura e chiusura elettrica nasconde un vano di carico grande ed estremamente modulabile grazie all’abbattimento ripartito dei sedili posteriori.
La parte anteriore, invece, ospita i gruppi ottici dalle linee spigolose e moderne, a led per le luci diurne, allo XENO per l’illuminazione serale e notturna. Al centro del “muso” la mascherina con il logo Jaguar, un tocco di classicismo che spezza la modernità dei fari.

Ci spostiamo al centro della piazza di Rocca Bianca per chiudere le riprese di Tester per un giorno, ma la via di ritorno verso Milano mi da l’occasione di guidare ancora per un pò questa fantastica station wagon, apprezzandone le doti del propulsore che, con i suoi 200CV, è in grado di regalare ottime sensazioni di guida, soprattutto con l’ausilio del cambio in modalità sequenziale. Le accelerazioni non sono brucianti, manca un pò la sensazione di “attaccamento al sedile”, complice il peso non indifferente.

La sensazione generale è quella di aver guidato una vera ammiraglia, bellissima, comoda, silenziosa, potente e tecnologicamente all’avanguardia. La vettura è l’ideale per lunghi spostamenti, dove le sue doti di comodità e spazio, la rendono la compagna ideale per le vacanze e per i viaggi. E’ stata un’esperienza estremamente positiva, anche perché sentirsi un vero giornalista anche solo per un giorno non capita spesso.
Concludo con il dire che sotto le vesti di una “quasi comune” station wagon questa Jaguar XF Sportbrake nasconde una vera anima da giaguaro.

Un ringraziamento particolare va alla redazione di Safe-Drive ed in particolar modo a Jennifer, Diego e Giuseppe, che con la loro cordialità e professionalità hanno consentito la perfetta riuscita di questo servizio.

FIRMA_500

MotoGP: Lorenzo c’è…ma Rossi pure


Il Qatar inaugura la stagione 2013 della MotoGP con una gara nella gara. Yamaha mette subito a segno la prima doppietta dell’anno con Lorenzo sul gradino più alto del podio. Valentino, autore di una rimonta spettacolare lo segue a 6 secondi. Ottimo l’esordio di Marc Marquez che mette le ruote della sua Honda davanti al suo compagno di squadra Dani Pedrosa.

Domenica 7 Aprile 2012 – Commercial Bank Gran Prix of Qatar

Il Qatar apre la stagione 2013 della MotoGP con una gara perfetta per Jorge Lorenzo che agguanta la prima vittoria dell’anno.
La gara notturna regala tantissime emozioni già dai primi giri. Partenza perfetta per il maiorchino che prende immmediatamente la prima posizione per non lasciarla più per il resto della gara.
Buono anche l’avvio di Andrea Dovizioso all’esordio con la Ducati Desmosedici.

Bastano pochi giri per capire che Lorenzo ha decisamente un altro passo; il vantaggio su Pedrosa aumenta giro dopo giro.
Seguono Marquez e Crutchlow. Valentino commette un piccolo errore di valutazione in staccata alla prima curva e finisce lungo perdendo tre posizioni e ritrovandosi dietro Andrea Dovizioso e Stefan Bradl.

Finalmente il Dottore riesce ad infilare il tedesco (che il giro dopo terminerà la sua gara a causa di una caduta) e si butta a capofitto all’inseguimento dei primi quattro. Nel frattempo Lorenzo continua ad incrementare il suo vantaggio sui diretti inseguitori non sbagliando praticamente nulla. Subito dietro, Perdosa, Marquez e Crutchlow girano così vicini da sembrare essere una sola moto.

Ma la gara inizia a prendere una piega diversa: Valentino Rossi trova il ritmo giusto ed inizia a ricongiungersi con il trio che le precede, girando con gli stessi tempi di Lorenzo. Nel giro di poche tornate il dottore è a ridosso di Crutchlow; Rossi mette le sue ruote davanti al pilota inglese e si lancia all’inseguimento del duo Honda che lo precede a poca distanza.
Immediato l’attacco ed il sorpasso anche a Dani Pedrosa (che nel frattempo era stato passato dal compagno di squadra), e dopo qualche curva Valentino è davanti anche a Marquez che gli darà filo da torcere fino all’arrivo.
Una grandissima gara del pilota di Tavullia, che lo porterà sul secondo gradino del podio.

La gara perfetta di Lorenzo, la fantastica rimonta di Rossi, e Marquez davanti a Pedrosa all’esordio in MotoGP, sono gli ingredienti principali del primo appuntamento del 2013.
Valentino torna finalmente a sorridere dopo due anni di insoddisfazioni in casa Ducati, e lo fa veramente in splendida forma dimostrando di essere ancora, nonostante i suoi 34 anni, un osso duro per tutti, e di aver ritrovato il suo smalto che molti davano per perso.
Sul podio e durante la conferenza stampa Valentino sorride, si dice estremamente soddisfatto della sua Yamaha e ammette anche che, se non fosse stato per il piccolo errore in avvio di gara, avrebbe potuto combattere per la vittoria.

Insomma…gli ingredienti per una bella stagione ci sono tutti e se il buongiorno si vede dal mattino…

Official image source:

MotoGP.com

SUPERSTARSWORLD: NEI TEST UFFICIALI DI MONZA “VOLA” LA CHEVROLET CAMARO SUPERSTARS, LA MCLAREN AL TOP TRA LE GTSPRINT


DEBUTTO PIÙ CHE CONVINCENTE PER LA “MUSCLE CAR” AMERICANA DI FRANCESCO SINI, MENTRE IMPRESSIONANO LE VETTURE INGLESI DEL TEAM BHAITECH

Monza, 27 marzo 2013

Il SUPERSTARSWORLD entra nel vivo con i test ufficiali della SUPERSTARS INTERNATIONAL SERIES e della GTSPRINT che si sono svolti oggi sul circuito di Monza, tra poco più di una settimana sede del primo appuntamento della stagione 2013.

Tanti i piloti ed i team che hanno preso parte a questa giornata di prove, in cui ha spiccato la debuttante Chevrolet Camaro di Francesco Sini, che ha messo le ruote in pista per la prima volta proprio in questa occasione, impressionando favorevolmente tutti i presenti e gli addetti ai lavori, ottenendo il miglior tempo assoluto di 1’55”624. Subito dietro il pilota della Chevrolet si è attestato Andrea Larini, che quest’anno vestirà i colori del team Ferlito Motorsport al volante di una Jaguar XFR, vettura che sul circuito brianzolo si è sempre confermata tra le più veloci, come era già successo lo scorso anno con la vittoria in Gara 1 di Max Pigoli. Tra le novità viste anche la presenza di Luigi Ferrara sulla nuovissima Mercedes C63 AMG Coupè del team RRT, con cui ha fatto registrare pure lui ottimi responsi.

sini-camarojpg_resize

Presente anche il team Petri Corse con il campione SUPERSTARS Johan Kristoffersson, che quest’anno sarà chiamato a difendere il titolo al volante della Porsche Panamera, ed il suo neo-compagno di squadra Massimiliano Fantini. Sul circuito brianzolo è scesa in pista anche la Cadillac CTS-V della RC Motorsport con Roberto Benedetti, che ha messo alla frusta la vettura “made in USA” rinnovata proprio per la stagione 2013.

Nella GTSPRINT INTERNATIONAL SERIES ad impressionare sono state le McLaren del team Bhaitech con Giorgio Pantano ed il nippo-brasiliano Rafael Suzuki. Alle spalle delle velocissime MP4-12C si è confermato l’equipaggio del team Ferrari Ukraine (squadra che vanta il supporto tecnico della AF Corse) composto da Andrii Kruglyk e Ruslan Tsyplakov, accompagnati dal “driver coach” Raffaele Giammaria, il quale ha seguito dal muretto dei box i due piloti del Cavallino. Buona anche la prestazione di Mario Cordoni (Ferrari 458 Italia), campione in carica GTS3, e del compagno di squadra Massimo Mantovani, entrambi con i colori del team Ombra, mentre alcuni problemi nella sessione pomeridiana hanno costretto la Porsche 997 GTS3 di Glauco Solieri a terminare anzitempo i test. Presenti anche due 997 del team Petri Corse con l’equipaggio composto da Gianluca Carboni e Marco Cassarà ed il giovane pilota tedesco Thomas Schöffler, anche lui protagonista lo scorso anno nella SUPERSTARS alla guida di un Audi RS5.

mclaren-mp4-12_resize

Sempre nella GTSPRINT ha fatto la propria apparizione la Porsche della Heaven Motorsport, su cui si sono alternati il colombiano Steven Goldstein, campione 2012 del GTS Cup Trophy, e lo spagnolo Antonio De La Reina.

Banner

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: